Home SPORT CALCIO Italia Under 21, da Mancini a Kean: quanti gioiellini a disposizione di...

Italia Under 21, da Mancini a Kean: quanti gioiellini a disposizione di Di Biagio

Ultimo aggiornamento 11:33

Per vedere all’opera l’Italia Under 21 di Luigi Di Biagio non c’era nemmeno un seggiolino vuoto, il Dall’Ara era sold out e la febbre azzurra altissima. Mai come quest’anno infatti gli azzurrini sono tra i più accreditati alla vittoria finale dell’Europeo che si sta giocando in Italia, e che per Chiesa e compagni è iniziato nel migliore dei modi. Il primo avversario sulla strada per la finale è stata la Spagna, vera bestia nera dell’Italia. Nelle competizioni di categoria infatti gli azzurrini non battevano le Furie Rosse dal 2008. E il trend negativo sembrava essere confermato dall’inizio veemente dei giovani spagnoli passati subito in vantaggio.

A ribaltare la situazione ci ha pensato la doppietta di Chiesa e il rigore di Pellegrini. Una reazione da squadra vera guidata da giovani di talento e temperamento. Protagonista di serata ovviamente Federico Chiesa, che prima ha seminato il panico sulla fascia segnando il gol del pareggio dopo una corsa implacabile, poi ha messo a segno la rete del vantaggio. Figlio d’arte, gioiello della Fiorentina e un’asta di mercato che si sta già scatenando nei suoi confronti. Il talento di Chiesa è ormai sulla bocca di tutti, ma c’è qualcuno che dei talenti azzurri forse non è ancora così conosciuto.

Under 21, alla scoperta di Mancini e Kean

Pochi giorni prima giocavano fianco a fianco di Insigne e Verratti, poche ore dopo sono stati catapultati nella nazionale di Di Biagio. Mancini e Kean sono giovani ma già pronti al grande salto, lo hanno dimostrato anche nella vittoria sulla Spagna. Gianluca Mancini è un difensore classe ‘96, è cresciuto nelle giovanili della Fiorentina e quest’anno è stato protagonista di una stagione super con l’Atalanta. Eleganza, tenacia e senso dell’anticipo sono le sue caratteristiche migliori.

Moise Kean fa invece l’attaccante e ha già stregato la Juve, che nel finale di stagione lo ha schierato in più occasioni. Il classe 2000 non ha deluso le aspettative ed è stato protagonista di prestazioni positive condite anche da diversi gol. Un’escalation che lo ha portato a diventare uno dei giocatori più interessanti dell’Europeo in corso. La sua quotazione è già alle stelle, una competizione da protagonista potrebbe lanciarlo ulteriormente tra i giovani più forti del mondo.