Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS “A Natale regole per le famiglie” annuncia la Zampa. Galli: “rischiamo la...

“A Natale regole per le famiglie” annuncia la Zampa. Galli: “rischiamo la piena seconda ondata”

Ultimo aggiornamento 19:51

Nel corso di un’intervista rilasciata a ‘La Stampa’, Sandra Zampa, sottosegretaria alla Salute, ha lasciato intendere che il governo sta prendendo in considerazione di ‘disciplinare’ delle nuove regole per passare in sicurezza il Natale in famiglia.

Zampa: “le famiglie possono riunirsi nel nucleo ristretto: parenti di I° grado”

Ci sarà un provvedimento – anticipa infatti la Zampa – che riguarderà Natale: si deve dire che non deve essere un Natale solitario, ma che le famiglie possono riunirsi nel nucleo ristretto, parenti di primo grado, fratelli e sorelle. La gran parte delle restrizioni attuali è bene che restino, magari con un allentamento del rigore per alcuni esercizi“.

Zampa: “Questa epidemia va affrontata con una grande razionalità”

D’altra parte, rimarca la sottosegretaria alla Salute, ”Questa epidemia va affrontata con una grande razionalità, che misuri l’impatto delle azioni messe in atto. Ma siamo tutti consapevoli che se il trend non muta, nessun servizio sanitario al mondo potrebbe reggere. Se tutto si rivelasse inefficace, nessuno attenderà fino all’ultimo. Bisogna combattere con un elemento fondamentale che è il tempo – afferma – e nessuno farà tardi, tanto meno il ministro Speranza”.

Zampa: “In giro tanta leggerezza e nessun controllo o sanzione”

Inoltre, rimarca la sottosegretaria, sbalordisce anche la “leggerezza” di quanti continuano a girare senza la mascherina, o di chi siede al bar, senza tenere minimamente conto del distanziamento. “Non vedo controlli e sanzioni” afferma abbastanza risentita, “è passata una narrazione minimalista e molti scienziati e molti politici non hanno contribuito a mantenere il rigore necessario“.

Zampa: “Vaccini entro l’estate, ma i medici di base ora debbono fare la loro”

Infine, riguardo al vaccino, secondo la Zampa “i cittadini comuni potranno essere vaccinati entro l’estate. Ma anche i medici di base devono in questa fase fare la loro parte, con visite e tamponi, altrimenti rischiano la convenzione con lo Stato“.

Galli: “Natale in piena seconda ondata se dati non migliorano”

Rispetto alla scorsa primavera, quando la gente era impaurita, ma solidale e disponibile a seguire le disposizioni, ora c’è molta stanchezza e anche molta rabbia. Posizioni irrazionali trovano molto più spazio”.

E’ molto preoccupato il past president della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit), Massimo Galli.

L’esperto si interroga infatti sugli effetti di queste misure restrittive che, non si augura, non dovessero sortire gli effetti perseguiti, “alla luce dei fatti” dice, ci troveremo a passare un Natale nel pieno della seconda ondata.

Diversamente, come invece il primario di Malattie infettive all’ospedale Sacco di Milano, auspica, “Se funzioneranno, dovremo adeguarci a una riapertura graduale e a molte cautele, per non ripetere quanto già successo a Ferragosto”.

Max