Home SPETTACOLO Amici, Nicolai attacca il direttore artistico Peparini: perché e cosa è successo

Amici, Nicolai attacca il direttore artistico Peparini: perché e cosa è successo

Ultimo aggiornamento 15:01

La nuova edizione di Amici sta entrando nella fase calda. Il serale di Amici 2020 è infatti alle porte e inizierà venerdì 28 febbraio, dando spazio a tutti i ragazzi che nel corso dell’anno sono riuscito a conquistare l’ambita maglia verde, quella che dà accesso alla fase finale del talent. Nelle prossime settimane gli artisti si giocheranno tanto, come è sempre successo fin qui.

Ballerini e cantanti si troveranno uno contro l’altro, perché rispetto allo scorso anno le regole sono cambiate e non ci sarà più la divisione a squadre come testimonia anche l’assenza di maestri per i due schieramenti. Quello che mancherà mai sarà il talento e la voglia di arrivare fino in fondo. I ragazzi in gara sono bravi e preparati, a volte anche dietro le righe, come successo con Nicolai.

Nicolai, età e scontro con Peparini

Nicolai non è nuovo ad atteggiamenti fuori dall’ordinario e al limite dell’arrogante, come dimostra anche il duro confronto con il maestro Timor, accusato di non saper parlare l’italiano. Il ballerino ucraino di 24 anni si è scagliato infatti contro il direttore artistico di Amici Giuliano Peparini e contro i ballerini professionisti della scuola.

Mentre Nicolai stava lavorando in sala Peparini si è allontanato innescando la rabbia del ballerino: “Non mi piace lavorare così, mi piace lavorare io – ha detto in sala – Comunque il lavoro non mi piace, come lavorate. Ma va bene. Io non voglio lavorare con questa gente”. Parole a cui ha fatto eco la risposta del direttore artistico poco dopo rientrato: “Loro ti insegnano, ti aiutano. Quindi abbi anche cura di loro, perché è importante. Poi quando arrivo io lavoriamo insieme. Impara. Prima le impariamo e prima le possiamo lavorare, va bene?”, ha concluso Peparini.