Arte e musei via alla mostra talent prize 2018

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Roma, al via la XI edizione del Talent Prize 2018 dedicata a arte e musei. Premio dedicato a Emmanuele. Al Mattatoio – La Pelanda il vernissage è arrivata la mostra dell’XI edizione del Talent Prize, il premio internazionale di arti visive organizzato da Inside Art e ideato da Guido Talarico, promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale e Azienda Speciale Palaexpo che fa di arte e musei il cuore di un progetto di ampio raggio. L’evento – che come ogni anno rappresenta un momento di ricognizione sulla produzione artistica di musei e strutture culturali attuali, oltre che un’occasione per conoscere le giovani promesse dell’arte contemporanea – si terrà venerdì 14 dicembre, alle ore 18:30, al Mattatoio – La Pelanda dove sarà allestita la mostra delle opere protagoniste del premio.

    La grande novità di quest’anno è rappresentata dall’istituzione del Premio speciale dedicato al mecenate Prof. Avv Emmanuele F. M. Emanuele, Presidente della Fondazione Cultura e Arte, emanazione della Fondazione Terzo Pilastro – Internazionale, che da sempre supporta il Talent Prize. In occasione dell’inaugurazione verranno esposte l’opera vincitrice dell’edizione 2018 del premio – Skies#3 di Corinna Gosmaro – insieme ai lavori dei 9 finalisti e di coloro che si sono aggiudicati i premi speciali.

    Il Premio dedicato al Prof. Emanuele è andato a Siavash Talaei, artista iraniano, con l’opera Ritratto (Portrait), un dipinto che ingloba in sé un vocabolario reale e fittizio, mescolando immagini prese dalla storia con riferimenti del tutto irreali.

    «L’influenza di base dei lavori di Talaei Siavash proviene dai ricordi dell’infanzia trascorsa a Teheran» – ha commentato il Prof. Emanuele – «a cui si aggiungono ispirazioni estetiche tra le più varie, sia antiche che moderne, mutuate dalla Storia o dallo spettacolo, fino a dare vita a figure forti, affascinanti e carismatiche, ma allo stesso tempo misteriose ed incerte. Talaei Siavash esterna, con questa sua ricerca espressiva, l’atteggiamento di dubbio ed irresolutezza che connota il suo rapporto con il mondo circostante, in cui la verità spesso è celata e gli artifici prevalgono sulla realtà.».