Home ATTUALITÀ Attacco hacker agli account Twitter di Joe Biden, Elon Musk, Jeff Bezos...

Attacco hacker agli account Twitter di Joe Biden, Elon Musk, Jeff Bezos e Bill Gates, Obama, Michael Bloomberg, Apple e Uber

Ultimo aggiornamento 09:36

Un vero e proprio attacco di pirateria in massa verso vip, grandi marchi e celebrità. Gli hacker assaltano gli account Twitter di Joe Biden, Elon Musk, Jeff Bezos e Bill Gates. Ma non solo: attaccati anche quello di Barack Obama e Michael Bloomberg. Sotto attacco pure quelli di Apple e Uber. Insomma, una operazione in massa. Tutti sono stati hackerati in riferimento  a quella che sembra una maxi truffa sui Bitcoin.
Ma cosa è successo davvero? Cosa è emerso? Andiamo a vederci chiaro.

Hacker attaccano vip, politici e aziende Usa: cosa succede

In poche parole Da tutti gli account sopra citati sarebbero partiti cinguettii che promettevano di raddoppiare la cifra inviata ai loro indirizzi Bitcoin. “Mi sento generoso, raddoppio tutti i pagamenti inviati al mio indirizzo BTC. Voi mi mandate 1.000 dollari e io ve ne mando indietro 2.000! Lo faccio solo per i prossimi 30 minuti”, è il tweet lanciato dall’account del patron di Tesla.

Parecchio simili quelli giunti dagli account di Biden e Obama. “Voglio restituire alla comunità quello che mi ha dato. Tutti i Bitcoin inviati all’indirizzo allegato qui sotto saranno raddoppiati! Se inviate 1.000 dollari, vi manderò 2.000 dollari. Lo faccio solo per 30 minuti”, è il tweet partito dal candidato democratico alla Casa Bianca, l’ex vice presidente Biden.
Un portavoce di Bill Gates conferma che l’account del fondatore di Microsoft è stato hackerato e che Twitter è stata informata . La società dei tweet  ha ammesso di essere a conoscenza degli incidenti e assicura di star “indagando e prendendo le misure necessarie per risolverli”.

“Giornata difficile per noi a Twitter. Ci sentiamo tutti male per quanto accaduto. Stiamo diagnosticando e condivideremo tutto il possibile quando avremo un quadro più chiaro di quanto accaduto”,  já scritto il fondatore e amministratore delegato Jack Dorsey.
Per Twitter rappresenta  un brutto colpo e gli effetti a Wall Street sono immediati. I titoli della società crollano, nelle contrattazioni after hours, del 3,28%.
Gli account presi di mira hanno ognuno milioni di follower e, nell’arco di poco tempo la truffa ha avuto come effetto quello di ‘rubare’ 110.000 dollari.