Attentato in Pakistan: esplosione in un mercato

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Un grave attentato in Pakistan è avvenuto oggi. L’attentato in Pakistan odierno ha riguardato l’esplosione di un ordigno, all’interno di un mercato rionale di un piccolo centro della zona nord-occidentale del Paese, causando all’incirca 25 vittime e 35 feriti. Questo è il drammatico bollettino fornito da autorità mediche e di polizia, il cui timore che il bilancio del grave attentato in Pakistan possa ulteriormente aumentare. L’attacco è stato eseguito nell’area di Khyber Pakhtunkhwa, situata proprio alla frontiera con l’Afghanistan, ed è avvenuto proprio nell’ora di punta quando il bazar si riempie solitamente di persone. Una fonte di polizia ha diramato la notizia che la maggior parte delle persone uccise appartengono alla minoranza sciita.
    Quella odierna è stata purtroppo una Giornata di stragi. Da registrare anche l’attentato avvenuto a Karachi, la capitale. Due agenti di servizio hanno perso la vita ed una guardia di sicurezza ha riportato lesioni nel bel mezzo di un assalto armato presso l’edificio di proprietà del consolato cinese di Karachi, sempre in Pakistan. Tre degli uomini armati sono stati fatti fuori nel corso di un confronto fuoco a fuoco con la polizia. Colpi di arma da fuoco sono risuonati nella zona antistante il consolato intorno alle 9.30 ore locali, le 4.30 del mattino in Italia, e l’eco si è propagato nel quartiere circostante, nella zona denominata Clifton. Quattro gli uomini muniti di armi che avrebbero cercato di irrompere e che sono stati bloccati nell’area di controllo all’ingresso dalle guardie. La zona è ora completamente sotto sorveglianza delle autorità locali mentre al di dentro i dipendenti che lavorano presso il consolato non hanno subito alcun danno . Secondo alcune testimonianze oltre ai colpi di arma da fuoco ci sarebbe udita anche un ordigno esplodere. L’attentato è stato rivendicato da un associazione separatista della provincia del Balochistan, è quanto diramato dal sito della Bbc, zona in cui il governo di Pechino sta immettendo