Home POLITICA ESTERI Beirut, il bilancio degli scontri nella ‘giornata della rabbia’. Si dimette il...

Beirut, il bilancio degli scontri nella ‘giornata della rabbia’. Si dimette il ministro dell’Informazione

Ultimo aggiornamento 15:44

Un poliziotto morto e 728 feriti. È il bilancio degli scontri avvenuti nella manifestazione di ieri a Beirut, in Libano, soprannominata la ‘giornata della rabbia’. I manifestanti erano scesi in piazza per ricordare le vittime della tragica esplosione di martedì 4 agosto, dove sono morte 158 persone e oltre 5000 sono rimaste ferite. La stampa locale ha riferito che la deflagrazione ha provocato un cratere profondo 43 metri.

La giornata della rabbia

I manifestanti hanno poi preso d’assalto il ministero degli Esteri, ribattezzato ‘sede della Rivoluzione’, altri quattro ministeri e la sede dell’Associazione delle banche. La capitale ferita, stufa di una intera classe politica corrotta e di anni di spartizione del potere. “Siete tutti assassini”, è il grido di dolore della folla rivolto al presidente Michel Aoun, al primo ministro Hassan Diab e al leader di Hezbollah Nasrallah.

Le dimissioni del ministro dell’Informazione

Nel frattempo si è dimessa Manal Abdel Samad, ministra dell’Informazione, dopo la tragedia di Beirut. “Chiedo perdono a tutti i libanesi le cui aspirazioni non siamo stati in grado di soddisfare – ha detto in una dichiarazione televisiva – Il cambiamento è fuori portata, e poiché la realtà non è paragonabile all’ambizione e dopo l’orrore del disastro di Beirut, presento le mie dimissioni dal governo”.

Mario Bonito