Home CRONACA CRONACA ITALIANA Boccea, figlio uccide il padre imprenditore e confessa: “Non voleva darmi i...

Boccea, figlio uccide il padre imprenditore e confessa: “Non voleva darmi i soldi”

Nella periferia di Roma, a Boccea, Adolfo Ciammetti, un imprenditore di 76 anni, è stato trovato senza vita dalla figlia nel capannone dell’azienda di infissi che gestiva. L’uomo è stato trovato privo di vita e con diverse ferite alla testa.

Immediato l’intervento delle forze dell’ordine che hanno fermato il figlio dell’imprenditore, un uomo di 39 anni che ha immediatamente confessato il delitto a seguito di una violenta lite. Il diverbio tra i due sarebbe divampato a causa di motivi economici: “Sì, l’ho ucciso io. Non voleva darmi i soldi”, ha confessato il figlio Daniele alle forze dell’ordine che lo hanno quindi fermato.

Ancora da accertare l’orario del delitto, così come la modalità. La figlia di Ciammetti ha infatti trovato l’uomo coperto da una carriola all’interno del capannone della sua azienda alle porte di Roma. Il medico legale accerterà la modalità dell’omicidio, mentre le forze dell’ordine al momento escludono la necessità di trovare soldi da parte del figlio a causa di legami con la malavita.