Bomba a Napoli contro pizzeria Sorbillo

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Una bomba nella è stata fatta esplodere di fronte alla celebre pizzeria Sorbillo, proprio nel cuore del centro storico di Napoli. L’ordigno è detonato proprio sulla soglia dell’entrata del locale in via Tribunali 32, lungo il corso del centro di Napoli. E’ la sede storica del prestigioso marchio in tutto il mondo sita in Napoli ed è andata in frantumi al piano inferiore dall’esplosione: due grate di ferro, poste al di là dell’ingresso, hanno frenato l’onda d’urto ed evitato che il guardiano notturno rimanesse coinvolto. L’uomo era di guardia in quel momento all’interno della pizzeria, a pochi metri dall’entrata. Si stimano danni per circa qualche migliaia di euro. Paura e indignazione sono sorte tra gli abitanti perché è stato ferito un pizzaiolo molto famoso, cui fsi aggiungono un elenco di locali situati in diverse città italiane e non solo.Lo stesso proprietario, Gino Sorbillo, commenta su Facebook che la pizzeria “è chiusa per bomba” ma, fiducioso afferma che “riapriremo presto”. Nel 2014 un incendio divampò nello stesso locale. “Mi scuso con tutte le persone che sono rimaste scosse da quest’ennesima cattiva notizia – ha scritto sul social il maestro pizzaiolo – A Napoli e dintorni esistono persone straordinarie e positive  che vivono veramente con tanto amore verso gli altri. Mi scuso con la Napoli “buona”, con l’Italia “buona” e con tutte le persone che vivono onestamente perché certi avvenimenti così forti ed eclatanti fanno cadere le braccia e demoralizzano la società. Sono stato nell’Arma dei carabinieri ed ho scelto di fare il pizzaiolo perché amo troppo la mia città e la amerò per sempre – ha dichiarato – La Napoli “sana” è sempre nel mio cuore”. Tantissimi in queste ore i messaggi di vicinanza che gli stanno arrivando. “Dopo l’incendio di 5 anni fa adesso arrivano anche le bombe dove c’è la sede storica” – conclude Sorbillo.