Home ATTUALITÀ Bonus Cashback o Bonus Digitale, cos’è, come funziona, a chi spetta, quanto,...

Bonus Cashback o Bonus Digitale, cos’è, come funziona, a chi spetta, quanto, da quando, procedura

Ultimo aggiornamento 11:22

Siamo in piena estate, ma è un’estate complicata questa del 2020: tra crisi economica e restrizioni dovute al lockdown

Con il Bonus Cashback o Bonus Digitale, si torna a discutere del super accredito fino a 2000 euro sul conto corrente. Ma come funziona nella pratica? Che cos’è in realtà?

Andiamo a vederci chiaro da vicino e proviamo a capirci qualcosa di più.

Bonus Cashback o Bonus Digitale, restituzione percentuale pagamenti tracciabili, entro quanto e limiti

Tramite il Bonus Digitale o Cashback viene restituita una percentuale dei pagamenti fatti tramite mezzi tracciabili fino ad un massimo di 2.000 euro.

Dunque il primo gennaio 2021 potrebbe arrivare il Bonus Digitale via cashback, il sistema premiale per chi fa pagamenti elettronici.

Leggi anche: Incentivi a commercianti che usano il Pos: quali, da quando e quanto, come fare, e zero limiti per prelievi e versamenti

La Misura, già indicata in Legge di Bilancio 2020, sospesa a causa dell’emergenza sanitaria del Coronavirus, consente di premiare i pagamenti che vengono fatti con moneta elettronica, tramite un accredito sull’estratto conto dei movimenti bancari legati ai pagamenti.

aggionramento ore 3.11

Bonus Digitale o Bonus Cashback, di cosa si tratta e come si ottiene

Il bonus digitale o bonus cashback è, in poche parole, una misura di lotta all’evasione, lo stesso Premier Conte, in tempi precedenti, citava parlando di “bonus per tutti i cittadini italiani onesti”.

Leggi anche: Evasione fiscale cos’è: differenze con elusione fiscale, limiti contanti 1 Luglio 2020, sanzioni penali, antiriciclaggio, verifiche Uif e Agenzia Entrate

Il progetto pareva prossimo a naufragare a causa del covid-19 ma in questi giorni, ne ha parlato il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri.

aggiornamento ore 7.59

Il bonus potrebbe funzionare come un cash back, cioè, permetterebbe che sia restituita una percentuale di tutti i pagamenti fatti via mezzi tracciabili fino ad un massimo di 2.000 euro, sul conto corrente del contribuente.

Leggi anche: Evasione fiscale, arriva il nuovo limite contante e Pos obbligatorio: no restrizioni per prelievi

A far discutere è l’ipotetico costo di una misura di questo tipo, ad oggi, pare, intorno a circa 3 miliardi di euro.

aggiornamento ore 11.21