Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS Bonus verde 2020: cos’è come si ottiene, a chi spetta, detrazione balconi...

Bonus verde 2020: cos’è come si ottiene, a chi spetta, detrazione balconi giardini 36%

Ultimo aggiornamento 09:39

In questo periodo cresce sempre di più l’interesse per i diversi bonus che le istituzioni hanno messo in campo per poter sostenere famiglie, ma anche imprese italiane, e tra i diversi si fa spazio nell’interesse dei cittadini il cosiddetto bonus verde.

Ma che cos’è il Bonus verde 2020 e come funziona? Si parla della detrazione al 36% per le spese di sistemazione giardini, ma anche di terrazzi, balconi anche condominiali e via discorrendo.

Ma andiamo a vedere più da vicino tutto quello che concerne questo bonus, anche perchè si è fatto un gran parlare, in questo ambito, di Ecobonus 110% e sconto immediato.

Bonus verde 2020: cos’è come si ottiene, a chi spetta, detrazione 36%, sconto immediato, ecobonus 110%

Il Governo ha pensato di sostenere il settore edilizio colpito dall’emergenza Coronavirus inserendo nel decreto Rilancio 2020 2 importanti novità in tema ‘verde’. In primis

1) il Superbonus 110%: Nel Dl Rilancio è stato indicato un potenziamento delle agevolazioni ecobonus e sismabonus, e per di più col superbonus 110% è stato aumentato anche alle seconde casese si trovano all’interno del condominio.

Leggi anche: Ecobonus 2020 al 110% con Dl Maggio: cos’è, come funziona, a chi spetta e da quando

In dettaglio poi nel decreto Rilancio 2020 prevede:

  • aumento delle percentuali delle detrazioni Sismabonus e Ecobonus al 110%;
  • l’utilizzo immediato dello sconto fiscale con lo sconto in fattura e lo sconto del credito.

Leggi anche: Ecobonus caldaia, infissi, fotovoltaico, ristrutturazioni: 110%, sconto immediato in fattura, cos’è, per cosa e come ottenerlo

aggiornamento ore 1.10

2) Lo sconto immediato e la cessione del credito:

Nel decreto Rilancio all’articolo 121 è presente anche l’estensione dello sconto immediato o cessione del credito ai privati che realizzano lavori legati al precedente bonus ristrutturazioni e al bonus facciate.

Sempre il DL Rilancio indica poi, in alternativa alla detrazione che il contribuente, per le spese sostenute tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021, possa scegliere:

  1. sconto immediato sul corrispettivo dovuto fino ad un importo massimo pari al corrispettivo dovuto, anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi il quale potrà recuperarlo sotto forma di credito di imposta cedibile successivamente ad altri soggetti, tra cui banche e altri intermediari;
  2. cessione del credito: trasformazione del corrispondente importo in credito di imposta, con facoltà di cessione ad altri soggetti, come banche e altri intermediari.

 

Bonus verde 2020: come funziona

Il Bonus verde 2020 giardini terrazzi e balconi è una delle detrazioni fiscali introdotte con la scorsa Manovra e prorogata per il 2020 grazie al decreto Mille proroghe 2020.

Secondo questo iter vige lo sconto al 36% fino a massimo 3mila euro per le spese sostenute per risistemare giardini e terrazzi, per tutto il 2020.

Bonus verde cos’è e come funziona?

Dunque il bonus verde è la detrazione fiscale al 36% prorogata dalla  Legge di Bilancio 2020 insieme a tutti gli altri bonus casa 2020.

Leggi anche: Bonus bici: cos’è e come funziona requisiti, a chi spetta bonus mobilità alternativa

Il bonus verde in sostanza è una detrazione per chi affronta spese per la sistemazione del verde di aree scoperte di pertinenza delle unità immobiliari private di qualsiasi entità, siano esse in terrazzi, giardini, balconi, anche condominiali, e comprensive di impianti di irrigazione e lavori di recupero del verde di giardini di interesse storico.

Il bonus verde funziona in modo simile alle altre detrazioni fiscali in vigore che sono state tra l’altro prorogate per tutto il 2020 stiamo parlando dell’Ecobonus, del bonus ristrutturazione, Sismabonusbonus condomini e bonus mobili ed elettrodomestici.

Dunque i cittadini che sostengono spese di sistemazione del verde e di recupero del verde storico, possono ottenere una detrazione fiscale pari al 36%.

Il bonus per il verde urbano del 36%, che vale 600 milioni di euro, permette di ottenere uno sconto fiscale IRPEF da detrarre dalla dichiarazione dei redditi, fino ad un massimo di spesa di 5.000 euro.

aggiornamento ore 6.05

Bonus verde: le spese devono essere tracciabili. Ecco come

L’importo della detrazione totale per essere scaricato dalla tasse deve essere divisa in 10 quote annuali di pari importo e le spese sostenute devono essere pagate in modo tracciabile, e quindi:

  1. bonifico parlante
  2. assegni
  3. bancomat
  4. carte di credito
  5. bonifici ordinari.

E in più: siccome il bonus verde non è alla persona ma è sulla casa, pertanto, se si hanno due immobili sui quali far eseguire interventi agevolabili con il nuovo bonus, è possibile sommare le due detrazioni, arrivando così per ciascuna casa, a detrarre il 36% di 5.000 euro.

 

Bonus verde 2020 a chi spetta e quando

A chi spetta il bonus verde 2020? Vale per privati e condomini che sostengono spese per:

  1. sistemazione del verde: giardini, terrazzi, balconi privati o condominiali
  2. recupero del verde di giardini di interesse storico
  3. fornitura di piante o arbusti
  4. riqualificazione di prati
  5. lavori e interventi per la trasformazione di un’area incolta in aiuole e piccoli prati

aggiornamento ore 9,38