Home POLITICA ECONOMIA Bonus zanzariere 2020: cos’è, quanto spetta, come fare domanda

Bonus zanzariere 2020: cos’è, quanto spetta, come fare domanda

Ultimo aggiornamento 09:34

Bonus zanzariere, che cos’è e a chi spetta? Si tratta di una importante agevolazione fiscale, compresa nel programma di incentivi per i lavori di schermatura solare come ad esempio il bonus tende.

Riassumendo, il bonus zanzariere 2020 è una detrazione IRPEF al 50%, e spetta a coloro che comprano delle zanzariere provviste di schermatura solare.

Vediamo nel dettaglio a quanto ammonta il bonus zanzariere, le scadenze, come presentare domanda e a chi spetta.

Bonus zanzariere 2020: a chi spetta, quanto è la detrazione, limiti, requisiti, scadenze domanda

Il bonus zanzariere consente di godere di una detrazione di imposta al 50% sulla spesa affrontata per acquistare e installare zanzariere che abbiano funzionalità schermanti.

Rientra fra le spese detraibili anche quella per il professionista che predispone la pratica ENEA (Agenzia Nazionale Efficienza Energetica).

Per beneficiare del bonus, bisogna acquistare e installare una nuova zanzariera, mentre non si può ottenere se si sostituiscono componenti di zanzariere già presenti.

La quota del 50% della spesa si detrae dalla dichiarazione dei redditi in 10 anni, con quote di pari importo.

Bonus zanzariere requisiti: detrazione fiscale, che tipo di caratteristiche deve avere la zanzariera

Per usufruire del bonus zanzariere, i prodotti acquistati devono avere le seguenti caratteristiche:

– avere la funzione di schermatura solare;

trasmittenza termica U;

– prodotte in osservanza delle modalità previste dalla Comunità Europea;

– avere un valore Gtot certificato inferiore a 0,35.

Ma a chi spetta il bonus zanzariere 2020? Sono diversi i soggetti che possono usufruire del bonus. Chiaramente, può beneficiarne sia il proprietario dell’immobile, sia chi ne ha ad esempio l’usufrutto o ha l’immobile in comodato.

Sono compresi inoltre quei soggetti che utilizzano l’immobile ai fini professionali, oltre a tutti gli enti, pubblici e privati, che pagano l’Ires.