Brexit: Macron e Merkel puntano su flessibilità per il tema dei conflitti irlandesi

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Emmanuel Macron e Angela Merkel hanno detto ai loro colleghi europei che l’UE deve essere flessibile per risolvere la controversa questione dei confini irlandesi. Hanno detto al negoziatore europeo Michel Barnier che deve essere “più flessibile” durante i negoziati al fine di rompere l’impasse amara. Le richieste dei leader francesi e tedeschi sono arrivate durante una cena privata tra i 27 leader dell’UE rimasti mercoledì sera. A Barnier è stato detto di offrire a Theresa May garanzie che l’UE non imporrà un confine doganale nel Mare d’Irlanda dal Presidente francese e dal Cancelliere tedesco. Hanno espresso preoccupazione per la capacità del Primo Ministro di ottenere il sostegno dei DUP e dei backstage di Tory per eventuali potenziali compromessi che offre al fine di raggiungere un accordo sul blocco irlandese. I diplomatici dell’UE hanno rivelato che Parigi ha spostato la sua posizione sulla Brexit e ora vuole concludere un accordo il prima possibile. Il governo del signor Macron chiederà all’UE di riprendere i negoziati immediatamente per ridurre il rischio di una Brexit senza accordo. La signora Merkel ha rafforzato la necessità di un nuovo sforzo e di “flessibilità” per stipulare un accordo durante la riunione privata della riunione. Nonostante l’approccio privato, Macron ha raddoppiato gli avvertimenti alla signora May, secondo cui il suo ruolo è quello di rompere l’impasse e non l’UE. Ha detto ai giornalisti a Bruxelles che il primo ministro deve emettere un “compromesso politico” in quanto l’UE ha offerto il massimo possibile nei negoziati. “Non è più un problema tecnico, è per la capacità politica del Regno Unito di raggiungere un accordo che può essere presentato a noi”, ha detto il presidente francese. “Non è compito dell’UE fare concessioni per affrontare le questioni politiche del Regno Unito. Non posso essere più chiaro su questo. “La signora May è stata estremamente impegnata e sono convinto che lavorerà per trovare una soluzione politica per tornare ai negoziatori dell’UE”. “Non c’è alcun compromesso politico aggiuntivo da parte dell’UE”, ha aggiunto. Fonti del governo del sig. Macron hanno suggerito che la sua offerta finale di compromesso ha permesso alla signora May di “bloccare temporaneamente” per ottenere sostegno a Westminster. “C’è un possibile spazio per trovare un accordo”, ha detto un funzionario francese. I funzionari del sig. Macron hanno indicato che potrebbero essere presentate nuove proposte per un piano di emergenza “sostegno temporaneo” come polizza assicurativa destinata a non intralciare il confine tra l’Irlanda del Nord e la Repubblica irlandese. Il loro compromesso comprendeva una garanzia che il cosiddetto “backstop” sarebbe “temporaneo” ma “senza una data di fine troppo precisa”, ha detto la fonte dell’Eliseo.