Home ATTUALITÀ Caffè al bar, regole con il Super green pass: cosa cambia

    Caffè al bar, regole con il Super green pass: cosa cambia

    CORONAVIRUS COVID 19 OBBLIGO DI GREEN PASS SUI MEZZI PUBBLICI

    Entra in vigore da oggi il Super Green pass, la versione rafforzata della certificazione verde ottenibile da chi ha fatto almeno la prima dose di vaccino e da chi è guarito dal Covid da meno di sei mesi. La novità è stata introdotta dal governo per limitare le restrizioni per tutti in vista del Natale, e durerà almeno fino al 15 gennaio, a meno di ulteriori deroghe.

    Resiste ancora il ‘Green pass base’, che si ottiene con un tampone rapido e molecolare, ma dà accesso solo ad attività limitate come lavoro, palestra e musei. Per le altre attività (cinema, teatri, discoteche, sale concerti, ristoranti al chiuso), è necessario invece il Green pass rinforzato. La versione ‘basic’ della certificazione verde sarà inoltre necessaria per prendere i mezzi pubblici.

    Le novità stanno seminando confusione in alcune categorie. I baristi, ad esempio, sono rimasti spiazzati dalle ultime disposizioni. Qualcuno ha iniziato a chiedere il Green pass ai clienti che chiedono un cafè al bancone. Stesso disorientamento vissuto dai clienti. Ma come funzionano le nuove regole per i bar?

    Le indicazioni fornite dal governo sono chiare: in zona bianca e gialla per consumare al bancone del bar non è necessario il Green pass, quindi né il tampone né tantomeno la vaccinazione. Stesso discorso per la consumazione all’aperto. Al chiuso invece è necessario il Super Green pass, obbligatorio invece anche per la consumazione al bancone in zona arancione.