Campidoglio, prosegue accoglienza a persone ex Penicillina

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Campidoglio, prosegue lavoro integrato per garantire accoglienza a persone presenti in immobile ex Penicillina.
    Il Campidoglio si conferma in prima linea per la risoluzione di una problematica cittadina che non ha lasciato disinteressata la comunità urbana.
    Il percorso per garantire l’accoglienza delle persone presenti presso l’immobile dell’ex Penicillina si è sviluppato negli ultimi mesi grazie a un lavoro integrato tra i vari livelli istituzionali del Campidoglio e le associazioni che operano sul territorio. Un lavoro che ha consentito di incrociare i dati e le informazioni, assicurando la mappatura delle persone in condizione di maggiore fragilità e vulnerabilità.
     
    “Il censimento effettuato dal Municipio 4, con il coinvolgimento del Dipartimento politiche sociali, come previsto dal Protocollo siglato tra Roma Capitale e Prefettura, ha rilevato 157 persone presso la struttura. Nei giorni scorsi in seguito a colloqui individuali 32 persone hanno accettato la presa in carico presso le strutture di accoglienza di Roma Capitale grazie al lavoro di sinergia tra Sala Operativa Sociale di Roma Capitale, Municipio 4 e associazioni presso l’Ufficio Immigrazione di Roma Capitale. La Sala Operativa Sociale è presente durante le operazioni odierne per effettuare i colloqui e formulare proposte di accoglienza a tutte le persone aventi diritto, con l’obiettivo di costruire percorsi finalizzati al raggiungimento dell’autonomia”, spiega l’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Laura Baldassarre.

    Dunque, sono ben 157 le persone che si trovano dentro la struttura. E nel particolare, sono 32 i soggetti che si sono dichiarati propensi a farsi carico dell’accoglienza. Resta ovviamente un percorso tutto in salita, per una di quelle ferite aperte della comunità di Roma che ovviamente il Campidoglio sa bene di dover affrontare con cognizione di causa e con delicatezza ma anche prontezza. Necessità abitative, diritti umani, legalità e problematicità legate al concetto strutturale in quanto tale si mescolano in una delle complesse battaglie che il Campidoglio sa di dover affrontare.
    In giornate tese, tra l’incendio della Salaria e le solite complicazioni ordinarie cittadine come per esempio quelle sulla viabilità, prosegue dunque il Dicembre di grande impegno da parte della amministrazione con sede al Campidoglio.