Campidoglio, via libera al nuovo Regolamento per le sponsorizzazioni

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Dal restauro dei monumenti alla riqualificazione di spazi per la collettività, dalle opere pubbliche alla promozione di eventi sociali e culturali. Si aggiornano le regole che prevedono la sponsorizzazione, da parte dei privati, di iniziative, servizi e lavori promossi da Roma Capitale, con l’obiettivo di conseguire risparmi di spesa e per finalità di pubblico interesse. La Giunta Capitolina ha approvato il nuovo Regolamento per la disciplina e la gestione delle sponsorizzazioni, che indica procedure tecniche più rapide e nuove soglie per la conclusione dei contratti. A distanza di 14 anni dal precedente regolamento, si aggiornano quindi gli articoli che regolano il partenariato pubblico-privato, che ora verranno sottoposti al voto dell’Assemblea Capitolina. Viene agevolato il ricorso al “mecenatismo” e per la prima volta si fa riferimento al crowdfunding per la raccolta di fondi attraverso una piattaforma telematica.

    Le principali novità riguardano la variazione della soglia che consente al privato di supportare le iniziative del Campidoglio. Per i contratti di sponsorizzazione di valore inferiore ai 40mila euro, l’Amministrazione capitolina potrà procedere mediante affidamento diretto, ai sensi di quanto prevede il nuovo Codice dei Contratti Pubblici: l’avviso, in questo caso, dovrà essere pubblicato per 10 giorni all’Albo pretorio e sul sito istituzionale del Comune. Durerà invece 30 giorni la pubblicazione dei “bandi” di sponsorizzazione, con procedura negoziata o a evidenza pubblica, di valore superiore a 40mila euro. Le stesse soglie e procedure varranno per le proposte spontanee da parte dei privati, con un diritto di prelazione a favore del soggetto promotore della sponsorizzazione.

    Viene anche agevolato il ricorso al mecenatismo, per il recupero di pezzi pregiati del patrimonio storico, architettonico e archeologico. Il provvedimento, oltre a implementare la normativa nazionale che riguarda le erogazioni liberali mediante il cosiddetto art bonus, indica le modalità con cui privati, enti e associazioni privi di finalità di lucro possono sostenere progetti e iniziative a favore della collettività: le proposte da parte di questi soggetti verranno formalizzate con procedure di trattativa privata diretta, qualunque sia il valore della prestazione resa dal mecenate.

    Per la prima volta, inoltre, il Regolamento si apre alla partecipazione di un’ampia platea di soggetti che vogliano partecipare a iniziative di valorizzazione del patrimonio pubblico, mediante raccolte di fondi. Per favorire il crowdfunding verrà costituita un’apposita piattaforma telematica che consentirà di seguire l’avanzamento dei progetti e di assicurare la trasparenza nella provenienza dei finanziamenti.

    Un ‘altra novità è rappresentata dall’istituzione di una Commissione Etica che esprimerà pareri sulle proposte di sponsorizzazione. Sarà composta da 3 membri: un presidente esterno che metterà a disposizione la propria prestazione a titolo gratuito, il Capo di Gabinetto o suo delegato, il Direttore del Dipartimento Razionalizzazione della Spesa o suo delegato. La Commissione valuterà anche la sussistenza di cause, previste nello stesso Regolamento, che inducano al rifiuto delle proposte di sponsorizzazione. Esprimerà inoltre pareri obbligatori e vincolanti per le sponsorizzazioni superiori ai 220 mila euro (soglia fissata dall’art.35 del Codice dei Contratti Pubblici).

    Gli ambiti e le aree di intervento oggetto di sponsorizzazione verranno individuati annualmente dalla Giunta Capitolina, in coerenza con il Programma triennale dei lavori pubblici e il Programma biennale per l’acquisizione di forniture e servizi.

    “Il mecenatismo e la collaborazione con i privati sono strumenti importantissimi per conservare e promuovere il nostro inestimabile patrimonio storico, artistico e archeologico. Ma anche per contribuire alla manutenzione della città con interventi su spazi verdi, strade, aree giochi per i bimbi. Per questo abbiamo voluto stabilire regole più semplici, trasparenti ed efficaci per chi vuole investire su un ‘brand’ unico al mondo. Consapevoli che il ‘brand Roma’ vada valorizzato ma anche tutelato, fissiamo paletti precisi sulle modalità di promozione pubblicitaria legate alle sponsorizzazioni: tutte verranno vagliate nei minimi dettagli e la Commissione Etica sarà elemento di garanzia della opportunità e ammissibilità dei progetti”, dichiara la sindaca di Roma Virginia Raggi.

    “L’obiettivo del Regolamento è attrarre investitori privati, italiani e internazionali, con strumenti agili e innovativi. Roma rappresenta un patrimonio dell’umanità, che va preservato con il contributo di tutti. Chi vorrà sostenere Roma nella valorizzazione dei suoi beni avrà allo stesso tempo grandi occasioni di visibilità, di promuovere la propria attività potendo contare sul ritorno di immagine che solo la nostra Capitale può garantire”, afferma l’assessore al Bilancio e alle Partecipate Gianni Lemmetti.