Cerveteri, il Fuco e l’Operaia conquista la Goccia d’Oro al concorso Grandi Mieli D’Italia 2018

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Il Fuco e l’Operaia, una giovane azienda agricola dedita all’allevamento permanente delle api Mellifera Ligustica e alla produzione di miele, propoli, cera naturale e sciami, riceve il prestigioso Goccia d’Oro al concorso Grandi Mieli D’Italia 2018. Un traguardo che arriva per il secondo anno consecutivo, a testimoniare la qualità dell’azienda di Cerveteri su un prodotto così raffinato come il miele. Lo fa con i Millefiori estivi, prodotti direttamente nel sito UNESCO della Necropoli della Banditaccia di Cerveteri.

    Il Fuco e l’Operaia custodiscono circa 250 alveari, posizionati in aree incontaminate selezionate della campagna Cervetera, principalmente all’interno di macchia mediterranea ricca di biodiversità. Ciò consente, anche in relazione alla crescente variabilità delle stagioni, di produrre un’ampia varietà di mieli tra cui: millefiori primaverili, estate e autunno di alta qualità, mieli di eucalipto, miele di bosco, melata e mieli d’edera. Una filiera seguita in prima persona da Federica e Valerio, dall’allevamento delle api con l’uso di tecniche rigorosamente naturali e artigianali, all’invasione e alla commercializzazione del miele, perseguendo quotidianamente l’obiettivo di un’azienda “a ciclo chiuso”.

    Con il progetto “Bombomiele”, vengono creati preziosi favori con soli mieli aziendali e viene offerta un’esperienza unica, dalla visita al photoshooting nell’apiario. Il desiderio di trasmettere la loro passione e di far conoscere alle nuove generazioni l’affascinante mondo delle api, fondamentale per l’ecosistema e per la sopravvivenza alimentare, sono il cuore del progetto “ApiDidattica Farm” che mette a disposizione laboratori pratici e sensoriali all’interno delle scuole della fattoria .

    “Un riconoscimento prestigioso per un’azienda nella nostra città – ha dichiarato Lorenzo Croci, Assessore allo Sviluppo Sostenibile del Territorio – un simbolo di come il nostro territorio sia un punto di riferimento non solo per il patrimonio archeologico ma anche per le attività agricole. giovane azienda della nostra città, certa che con la loro produzione di miele e molti altri prodotti, continueranno a ottenere importanti riconoscimenti “.