Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS Conte ‘scatenato’, chiama Macron e parla all’Oms rilanciando l’immagine Italia. Di Maio...

Conte ‘scatenato’, chiama Macron e parla all’Oms rilanciando l’immagine Italia. Di Maio twitta all’Ue

Ultimo aggiornamento 19:29

Non sono certo ‘giornatine’ tranquille queste per il premier, che ora inizia a sentire il ‘malcontento’ degli italiani. Diversamente da come sperava, e nonostante la ‘stampa amica’ – sicuramente in buonafede – al momento il ‘bazooka’ al momento si è rivelato una ‘miccetta’, con milioni di persone alla fame, ed il decreto d’urgenza partorito con una lentezza irritante, che non ha assolutamente trovato il plauso sperato: pochi soldi, sistemi farraginosi, tasse comunque attive (il 30 giugno di paga!), e domani in Senato, c’è la mozione a Bonafede. Tante idee, tanta buona volontà, ma domani Renzi si ‘stranisce’ questo governo cade… 

Oltretutto anche sul fronte europeo, visto che siamo già a metà maggio, e che la prossima riunione è fissata al 27, la sensazione è che alla fine del ‘popolo’ non interessa assolutamente un piffero a nessuno. D’altra parte gli altri paesi europei hanno chiuso dopo di noi, per poi riaprire prima! Nel frattempo non hanno mai smesso di produrre e, manco a dirlo, i loro cittadini sono stati ‘remunerati’, dunque? Prima ci siamo accapigliati fra di noi sul Mes, pur pensandola allo stesso modo poi, aspettando come Godot i Recovery Fund, ieri con la consueta e reciproca ‘armonia’, Francia e Germania si sono ‘inventate’ un fondo da 500 mln di euro – a fondo perduto, senza nemmeno interpellarci E questo la dice lunga…

Conte chiama Macron per ‘riportarlo’ al Recovery Fund

Così stamane (altro non poteva fare all’indomani dell’accordo ‘bilaterale’), Palazzo Chigi ha reso noto che ”Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, hanno esaminato in una conversazione telefonica le prospettive del negoziato sul Recovery Fund, in direzione di un risultato davvero ambizioso e di una risposta economica europea all’altezza della sfida rappresentata dalla crisi da Covid-19“. Quando, come? Boh.

Conte ‘fermo’ con l’Oms: nel 2021 presiederemo il G20

Così Conte ha cercato di rilanciare l’immagine dell’Italia intervenendo alla 73esima Assemblea mondiale della salute che, ha affermato, “arriva in un momento cruciale, nel mezzo della nostra lotta contro la minaccia della pandemia di coronavirus. Il virus ha cambiato la nostra vita in modi che non avremmo mai immaginato solo pochi mesi fa. Stiamo vivendo una crisi globale senza precedenti – ha rimarcato – una crisi che non conosce confini e non risparmia regione: possiamo solo superarla insieme, attraverso la solidarietà, la cooperazione e la responsabilità reciproca“.

Quindi, cercando di ribadire lo spirito costruttivo dell’Italia, il premier ha incalzato sottolineando che  “Sin dall’inizio della pandemia, l’Italia ha promosso il rafforzamento della leadership globale e della solidarietà internazionale per gestire l’emergenza e accelerare soluzioni sostenibili a lungo termine guidate da scienza, ricerca e medicina. Il risultato di questa Assemblea mostra il valore della nostra cooperazione e stabilisce un quadro per una risposta efficace. Ammettiamolo: non eravamo completamente preparati a una crisi globale così grande”, ha poi aggiunto Conte sapendo di calcare un autostrada, “Abbiamo dimostrato grande resilienza, ma ora siamo chiamati a imparare la lezione e sicuramente abbiamo lezioni da imparare. Dobbiamo rafforzare i meccanismi di allarme rapido, lo scambio di informazioni, l’identificazione delle migliori pratiche per migliorare la preparazione alla pandemia nella comunità internazionale”.

Infine, continuando in una ‘mission’ molto più consona ad un ministro degli Esteri prima, e dell’Economia dopo, il premier ha concluso cercando di ‘impressionare’ l’Oms (che nel corso della pandemia ha mostrato tutti i suoi limiti), precisando che “Questa crisi rischia di far deragliare gli obiettivi globali storici finora raggiunti nel settore sanitario e di interrompere il nostro percorso verso i ‘Sustainable Development Goals’ e l’intera agenda 2030, specialmente in Africa. Pertanto, l’Italia ritiene che sia molto necessario aumentare il nostro sostegno ai Paesi più vulnerabili”.

Quindi, visto in che mare navighiamo in Italia (‘forza 18’!), Conte ha cercato di rassicurare tutti, rimarcando che l’Italia s’impegnerà al massimo, visto che nel 2021 si assumerà la presidenza del G20…

E Di Maio ‘avverte’ l’Europa… attraverso un Tweet

Dunque, come abbiamo visto, con Conte che fa ‘il diavolo a quattro’ in lungo e largo per cercare di tenere alto l’onore della leadership italiana, ‘nel suo piccolo’ anche Di Maio stamane si è speso rivolgendosi alla Ue… via Twitter!

”In Ue ci sono ancora Paesi arroccati sui loro ramoscelli – ha ‘bacchettato’ il ministro – ma devono capire che l’Europa non può fare a meno dell’Italia. Perché se si spezza il tronco di un albero, cadono anche i rami. E non si salva nessuno“. Quindi Di Maio ha concluso lanciando uno slogan: “Uniti per ottenere più risorse. L’Italia si farà rispettare”.

Più tardi, forse preso dal dubbio sulla ‘leggibilità’ del tweet precedente, Di Maio ha rilanciato – stavolta attraverso Facebook – “Il nostro unico interesse è difendere il popolo italiano”. Poi, ricordando la famosa scena di ‘Miseria e nobiltà’, con l’assalto alla tavola imbandita, il ministro ha aggiunto “In questa trattativa dobbiamo ottenere più soldi possibili per aiutare imprese, famiglie e lavoratori”.

Max