Home ATTUALITÀ Coronavirus, come seguire l’indulgenza plenaria di Papa Francesco il 27 marzo

    Coronavirus, come seguire l’indulgenza plenaria di Papa Francesco il 27 marzo

    Ultimo aggiornamento 21:40
    Papa Francesco

    Il 27 marzo sarà un venerdì di Quaresima molto particolare per tutti i cattolici poiché alle ore 18.00 Papa Francesco concederà la benedizione “Urbi et Orbi“. Affacciandosi sul sagrato deserto della Basilica di San Pietro di Roma Bergoglio impartirà l’Indulgenza plenaria, così come previsto dal decreto della Penitenzieria Apostolica firmato il 20 marzo 2020: “Si concede il dono di speciali Indulgenze ai fedeli affetti dal morbo Covid-19, comunemente detto Coronavirus, nonché agli operatori sanitari, ai familiari e a tutti coloro che a qualsivoglia titolo, anche con la preghiera, si prendono cura di essi”.

    Indulgenza plenaria Papa Francesco: come seguire l’evento in diretta

    Come spiegato nel comunicato che annuncia l’evento diffuso dalla Sala Stampa della Santa Sede: “La preghiera del Santo Padre potrà essere seguita in diretta tramite i media e si concluderà con la Benedizione eucaristica che sarà impartita “Urbi et orbi” attraverso i mezzi di comunicazione. A tutti coloro che si uniranno spiritualmente a questo momento di preghiera tramite i media sarà concessa l’indulgenza plenaria secondo le condizioni previste dal recente decreto della Penitenzieria Apostolica”.

    Leggi anche: Papa Francesco concede l’indulgenza plenaria: preghiera in diretta streaming venerdì 27 marzo

    Come sottolineato oggi, tutti i fedeli che desiderano seguire l’evento di Papa Francesco di venerdì 27 marzo potranno guardare la celebrazione in diretta tv e streaming: a partire dalle ore 18 di venerdì 27/03/2020, infatti, l’evento di Papa Bergoglio con l’indulgenza plenaria sarà trasmesso in mondovisione da Vatican Media e si potrà ascoltare in italiano sulla Radio Vaticana. Per vedere la preghiera di Papa Francesco in live streaming ci si potrà collegare anche al sito internet www.vaticannews.va, oltre che sulla pagina Facebook “Vatican News” e sul canale YouTube ufficiale del Vaticano.