Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS Coronavirus: dei 338 nuovi contagi, 244 sono lombardi. Il Lazio tra il...

Coronavirus: dei 338 nuovi contagi, 244 sono lombardi. Il Lazio tra il San Raffaele e la Garbatella

Ultimo aggiornamento 19:33

Diciamolo subito: la situazione nel Paese va ancora migliorando, escluse però Lombardia e Lazio che, come vedremo, hanno ancora qualche ‘problema’

Infatti se complessivamente da ieri i nuovi contagi riscontrati sono 338, di questi ben 244 (il 72%) in Lombardia mentre, nella Lazio – ne parliamo in fondo – ‘pesa’ ancora il cluster del San Raffaele ed il caso della Garbatella.

Ad ogni modo, ha precisato oggi la Protezione civile enunciando i dati relativi alle ultime 24 ore nel Paese, i decessi sono stati 44, che portano così il bilancio complessivo delle vittime a 34.345.

Grazie poi ai 1.505 registrati da ieri, continua a salire anche il numero dei guariti, attualmente 176.370.

Dall’inizio dell’emergenza sono invece 236.989 i contagiati.

Bene le terapie intensive, oggi occupate ancora da 209 pazienti, dopo che da ieri ne sono usciti 11.

Infine, altro dato confortante, in otto regioni (Basilicata, Molise, Calabria, Valle d’Aosta, Sardegna, Umbria, Friuli Venezia Giulia e Puglia), si registrano zero contagi.

Cosa sta accadendo nel Lazio in questi giorni

Come è ormai noto, nella Capitale in particolare, quello che non è accaduto nei ‘giorni peggiori’, quando l’epidemia ci ha costretto a stare chiusi in casa per mesi, è invece esploso ora.

Come ha spiegato poco fa in conferenza stampa Alessio D’Amato, assessore alla sanità regionale, ”Oggi registriamo un dato di 14 casi positivi di cui 5 riferibili al focolaio del San Raffaele Pisana di Roma. Il focolaio raggiunge così un totale di 109 casi positivi e 5 decessi correlati”.

“Al San Raffaele Pisana – ha poi rassicurato D’Amato – sono stati tutti trasferiti i 64 pazienti e chiesta dalla Asl Roma 3 alla direzione sanitaria della struttura la sanificazione dai reparti di medicina e riabilitazione cardiologica e respiratoria. Dei 5 casi riferiti al cluster due sono operatori sanitari (uno nella Asl Roma 4 e uno nella Asl Roma 5), due fanno riferimento al cluster nella Asl Roma 6 e uno è un parente di un paziente nella Asl Roma 1 dimesso dalla struttura. Rimangono nella struttura 79 pazienti e di questi 13 sono in dimissione con tampone negativo“.

D’Amato: “Chiuso il focolaio della Garbatella”

Quindi la notizia che tutti aspettavamo, visti 17 positivi censiti all’interno di un’area ad altissima densità abitativa: “Un focolaio è chiuso, quello di Piazza Pecile (Garbatella) – ha detto D’Amato – e sul San Raffaele Pisana attendiamo l’esito dei richiami per chiudere la copiosa indagine epidemiologica. E’ stata importante per contenere i focolai la tempestività degli interventi”.

Vediamo nel dettaglio la situazione nel Paese

Max