Home BENESSERE Coronavirus, il vaccino ancora lontano nonostante i risultati positivi

Coronavirus, il vaccino ancora lontano nonostante i risultati positivi

Ultimo aggiornamento 10:31

I primi risultati della sperimentazione sul vaccino contro il coronavirus che punta a essere il leader nella lotta contro Covid-19 sono stati annunciati questa settimana.

Gli studi di fase 1 e 2 presso l’ Università di Oxford hanno mostrato risultati incoraggianti e hanno scoperto che il vaccino è sicuro, causa pochi effetti collaterali e induce una forte risposta immunitaria al virus.

Nonostante ciò, un esperto ha avvertito che potrebbero passare mesi prima che il vaccino venga distribuito al pubblico.

Richard Torbett, Amministratore delegato dell’Associazione dell’industria farmaceutica britannica, ha spiegato: “In tutto il mondo, le aziende farmaceutiche stanno collaborando nella ricerca di un vaccino Covid-19 efficace e l’annuncio sui progressi nel Regno Unito è estremamente positivo. Lo sviluppo di un vaccino è una sfida incredibilmente difficile; il fatto che ci siano più candidati in fase di sviluppo è, si spera, un segno che il duro lavoro alla fine ripagherà.”

Quando sarà pronto il vaccino Covid, quando arriva? Ancora diversi mesi per la distribuzione al pubblico

“Dobbiamo essere pazienti” ha proseguito. “Provare che un vaccino è sicuro ed efficace è un processo lungo e potremmo aspettare ancora molti mesi”.

Lo studio ha incluso 1.077 adulti sani di età compresa tra 18 e 55 anni senza storia di Covid-19. I partecipanti hanno ricevuto il vaccino (543 persone) o un vaccino di controllo (534 persone).

Nel frattempo, 113 partecipanti (56 a cui è stato somministrato il vaccino e 57 nel gruppo di controllo) sono stati anche invitati a prendere il paracetamolo prima e per 24 ore dopo la vaccinazione per contribuire a ridurre le reazioni associate al vaccino.

I risultati hanno mostrato che il vaccino è risultato sicuro, senza effetti collaterali gravi. Affaticamento e mal di testa sono stati le reazioni più comuni, mentre alcuni partecipanti hanno manifestato dolore nel sito di iniezione, brividi e febbre alta.

Per fortuna, è stato scoperto che il paracetamolo riduce questi effetti collaterali. In termini di benefici contro il virus, lo studio ha scoperto che vi erano risposte anticorpali e di cellule T forti dal vaccino.