Home BENESSERE Coronavirus, il vaccino di Oxford potrebbe offrire una “doppia protezione”

Coronavirus, il vaccino di Oxford potrebbe offrire una “doppia protezione”

Ultimo aggiornamento 09:04

Gli scienziati che lavorano su sperimentazioni umane su un potenziale vaccino per il Covid-19 a Oxford credono di aver fatto una svolta dopo aver scoperto che potrebbe fornire una “doppia protezione” contro il virus.

Lo studio di fase 1 su volontari adulti sani, iniziato ad aprile, ha mostrato che il vaccino ha generato una risposta immunitaria, con campioni di sangue che indicano che ha stimolato il corpo a produrre sia anticorpi che “cellule T killer“, ha riferito il Daily Telegraph.

Il segretario alla salute, Matt Hancock, ha affermato che i team stavano lavorando allo “scenario migliore” di un vaccino reso disponibile quest’anno, anche se ha ammesso che era più probabile nel 2021.

Vaccino Coronavirus, ecco a che punto sono gli studi: quando sarà pronto

David Carpenter, presidente del Comitato etico per la ricerca del Berkshire, che ha approvato il processo di Oxford e continua a lavorare con gli scienziati sugli emendamenti, ha detto al Telegraph che il team era “assolutamente sulla buona strada“.

Si possono rafforzare i risultati prendendo di mira le persone negli ospedali, gli operatori sanitari, dove è più probabile che si verifichi la diffusione”, ha affermato. “Nessuno può fissare le date finali … le cose potrebbero andare male, ma la realtà è che lavorando con una grande azienda farmaceutica, quel vaccino potrebbe essere abbastanza ampiamente disponibile intorno a settembre e questo è il tipo di obiettivo su cui stanno lavorando.

Ma una fonte ha riferito al quotidiano che i risultati non hanno ancora dimostrato che il vaccino di Oxford, noto come ChAdOx1 nCoV-19, fornisce un’immunità di lunga durata.

“Posso dirti che ora sappiamo che il vaccino di Oxford copre entrambe le basi: produce sia una cellula T che una risposta anticorpale“, ha detto la fonte. “È la combinazione di questi due che si spera proteggerà le persone. Fin qui tutto bene. È un momento importante. Ma abbiamo ancora molta strada da fare.