Home BENESSERE Coronavirus, indossare mascherine a casa aiuta a proteggere la famiglia

Coronavirus, indossare mascherine a casa aiuta a proteggere la famiglia

Ultimo aggiornamento 08:39

Indossare mascherine a casa potrebbe aiutare a impedire al Covid-19 di infettare la tua famiglia che vive nella stessa casa, secondo un nuovo studio.

Questo approccio è stato valutato efficace al 79% nel frenare la trasmissione, ma le mascherine devono essere utilizzate prima che i sintomi si sviluppino in chiunque sia infetto nella famiglia.

I risultati, che compaiono in BMJ Global Health, si basano sulle risposte di 124 famiglie a Pechino, in Cina, che hanno avuto almeno un caso confermato di infezione da Covid-19, sulla loro igiene e comportamento familiare durante la pandemia.

Mascherine coronavirus, lo studio in Cina consiglia l’uso anche a casa

C’erano un totale di 460 persone nelle famiglie che facevano parte dello studio e il loro caso confermato di Covid-19 è avvenuto tra la fine di febbraio e la fine di marzo 2020.

I membri della famiglia avevano vissuto con la persona infetta quattro giorni prima e più di 24 ore dopo la comparsa dei sintomi di quella persona.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e Public Health England non hanno raccomandato di indossare maschere per il viso all’interno o all’esterno, in attesa di prove di buona qualità a sostegno di questa mossa.

La ricerca in Cina ha suggerito che la maggior parte della trasmissione da persona a persona negli episodi di SARS-CoV-2, il coronavirus responsabile dell’infezione da Covid-19, si è verificata nelle famiglie.

Il nuovo studio ha cercato di vedere se indossare una mascherina facciale, insieme a misure come il distanziamento sociale e la disinfezione, potrebbe aiutare ad affrontare le velocità di trasmissione delle famiglie.

Le famiglie, che di solito erano composte da tre generazioni, avevano dimensioni che variavano da due a nove persone, ma avevano una media di quattro membri. I ricercatori hanno esaminato i rischi di contrarre il virus entro il periodo di incubazione, che è di 14 giorni dall’inizio dei sintomi della persona infetta.

Durante questo periodo, i ricercatori hanno affermato che la diffusione dalla prima persona infetta ad altri membri della famiglia è avvenuta in 41 delle 124 famiglie. Un totale di 77 adulti e bambini sono stati infettati in questo modo, dando un “tasso di attacco” del 23% o circa 1 su 4, secondo lo studio.