Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS Coronavirus Lazio – Spallanzani: tutti negativi i casi esaminati. Ecco il punto

Coronavirus Lazio – Spallanzani: tutti negativi i casi esaminati. Ecco il punto

Ultimo aggiornamento 18:00

Sul fronte Lazio attraverso l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, è stato reso noto che “Sono risultati negativi al COVID-19 tutti i test effettuati nella giornata odierna presso l’istituto Spallanzani di Roma compresi i casi di Nettuno e quelli dell’A.O Sant’Andrea. Invito tutti a mantenere toni bassi senza assumere iniziative di tipo estemporaneo – si è raccomandato D’Amato –  Il Sistema sanitario del Lazio ed in particolare la rete infettivologica stanno lavorando a pieno regime garantendo la piena operatività dei protocolli sanitari“.

Nessun caso accertato ad Ostia, solo precauzione

Passata la paura ad Ostia dove, pochi giorni fa, una signora 54enne presentatasi al pronto soccorso dell’ospedale Grassi con sintomi influenzali, dopo aver raccontato di aver avuto a che fare con un bimbo cinese appena rientrato con la nonna dalla Cina, è stata subito inviata allo Spallanzani per gli esami del caso. Accertamenti che non hanno destato preoccupazioni circa la salute della signora.

Passata paura ad Aprilia e Nettuno, attesa a Pomezia

Pochi minuti fa è poi giunta notizia che, fortunatamente, la coppia di Nettuno trasferita a Roma, che aveva avuto contatti diretti a Codogno, è risultata negativa. Un caso che aveva subito allarmato le autorità locali. Stessa cosa per una donna di Aprilia, mentre si attendono risposte sul tampone al quale è stata sottoposta una donna straniera (ma non cinese) residente a Pomezia.

A Palombara una persona sottoposta ad accertamento

Momenti di panico invece oggi in Sabina, precisamente a Palombara dove, alla Asl locale sono addirittura giunti i carabinieri invitando i cittadini a lasciare gli uffici. Come ha poi riferito dalla sua pagina Fb il primo cittadino palombarese, “In merito alle notizie che si stanno divulgando su un sospetto caso di Corona Virus nel nostro Comune si comunica che al momento non esiste alcuna diagnosi in tal senso e che per meri scopi precauzionali una persona sintomatica è stata sottoposta al previsto protocollo. Non si ravvisa quindi allo stato attuale nessun allarme in corso; si raccomanda comunque di seguire le indicazioni divulgate dalle autorità sanitarie. Già stamattina, il Sindaco e i medici di base si sono incontrati per concordare le migliori procedure da seguire per garantire la massima sicurezza dei cittadini, su questa pagina sarà data ogni altra informazione utile non appena disponibile”.

Castel Madama, nessun caso ma ‘tante chiacchiere’

Si tira un sospiro di sollievo anche a Castel Madama, vicino Tivoli, dove il attraverso un comunicato il Comune ha reso noto che entrambe le persone sottoposte ad accertamento sono infine risultate negative. Nello specifico si trattava di una giovane appena rientrata dalla Cina che, già all’aeroporto aveva superato i primi controlli sanitari. Poi, per scrupolo, qualche giorno dopo ha deciso di sottoporsi ad ulteriori esami, per fortuna rivelatisi negativi.
Sempre a Castel Madama stamane si era ‘sparsa’ la voce di una persona contagiata, in realtà è stato poi accertato che si trattava di ‘stupide insinuazioni’ (chiacchiericci di paese), ordite ai danni di una famiglia di ritorno da un soggiorno al Nord. Una brutta faccenda che ha indotto il sindaco ad invitare la popolazione di evitare assurdi allarmismi, e di non lasciarsi sopraffare dal panico.

A Rieti apprensione ma nessuna conferma

Anche a Rieti è girata la voce di un 17enne sottoposto ad accertamenti ma la notizia non è stata al momento confermata. Tuttavia la direzione sanitaria del locale ospedale De Lellis ha disposto l’ingresso di un solo visitatore per paziente, riguardo ai reparti di Rianimazione e Malattie Infettive.

La corsa nei supermercati di centinaia di persone

Da segnalare invece il comportamento allarmistico ed ingiustificato, in diverse aree della nostra regione, di centinaia di persone che si sono precipitate a ‘fare scorte’ nei supermercati come fosse la fine del mondo! Un atteggiamento veramente stupido che, eventualmente, oltre a far salire i prezzi, alimenta ‘leggende’ e dicerie che con il coronavirus non hanno nulla a che fare. Un ‘accorgimento’ che non serve assolutamente a nulla perché le derrate alimentari sono l’unica cosa delle quali grazie a Dio abbondiamo!

Max