Home SPORT CALCIO Cosa rischia il Napoli dopo la (non) partita contro la Juve: domani...

Cosa rischia il Napoli dopo la (non) partita contro la Juve: domani la decisione del Giudice Sportivo

Ultimo aggiornamento 10:39
VIA ROSELLINI 4 LEGACALCIO SEDE SERIE A SERIE B

Sugli spalti c’erano addirittura 30 tifosi, anche qualche vip, come Cristina Chiabotto. Hanno assistito alla prima ‘non’ partita della storia recente del calcio italiano. Sul prato dell’Allianz Stadium è sceso solo Igor Tudor, collaborare tecnico di Pirlo, e qualche altro membro dello staff. Poi più nessuno.

Quello che doveva essere il teatro della partita più importante della giornata si è trasformato in un contenitore di polemiche e strascichi. Il Napoli, ovviamente, a Torino non si è mai presentato. La Juventus aveva addirittura diramato la formazione ufficiale, avrebbe dovuto giocare Dybala. Ma in campo non è sceso nessuno.

Ora la squadra di De Laurentiis rischia il 3-0. Anzi, la penalizzazione è quasi certa, si aspetta solo il comunicato del Giudice Sportivo che uscirà nella giornata di martedì. Poi il club azzurro presenterà ricorso in tutte le sedi opportune, come ha fatto sapere il presidente Aurelio De Laurentiis. Le scia di polemiche si allunga e tocca tutti i vertici, anche quelli politici.

Ieri anche il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora è intervenuto sulla questione: “Penso che in questo Paese stiamo parlando troppo di calcio e troppo poco di scuola. La priorità deve essere altra. Lo dico persino da tifoso. Attenzione a dare le priorità, che non possono essere il calcio o gli stadi. La priorità è la salute delle persone. Il Cts ha disposto delle norme che permettono di andare avanti in sicurezza. Altra cosa invece è la partecipazione del pubblico. Io sono contrario alle proposte di riaprire gli stadi a migliaia di persone”.

E proprio nella giornata di oggi, alle 17, è in programma un incontro tra i vertici del calcio e quelli della politica. Inizialmente doveva essere un vertice per parlare della possibile riapertura degli stadi ai tifosi, ora, con ogni probabilità, sarà un modo per rivedere il protocollo, messo alle strette da un caso limite che rischia di far saltare il banco del campionato.