Home ATTUALITÀ Covid Lazio, i dati di oggi 6 dicembre. D’Amato: “La velocità della...

    Covid Lazio, i dati di oggi 6 dicembre. D’Amato: “La velocità della curva rallenta”

    MOVIDA NAVIGLI GENTE FOLLA MASCHERINE MASCHERINA COVID 19 CORONA VIRUS

    Sono stati 28.402 i test processati oggi nel Lazio (12.665 molecolari e 15.747 rapidi), per un totale di 1006 nuovi casi positivi riscontrati. Il rapporto tra test e positivi è stato del 3,5%. Lo rende noto la Regione Lazio nel consueto bollettino quotidiano. Le persone decedute sono state 10, le guarite 713. Per quanto riguarda Roma i casi riscontrati sono stati 543: sono ricoverate attualmente in area medica 765 persone, 99 in terapia intensiva.

    Alla presentazione della nuova dashboard per la Sorveglianza Covid- 19 del Lazio, all’Ospedale Bambin Gesù, l’assessore alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato, ha fatto il punto sulla situazione epidemiologica della Regione: “Siamo in un momento di rallentamento della velocità della crescita della curva, come una macchina che scala le marce”, ha detto.

    Sulla possibilità che il Lazio vada in giallo nelle prossime settimane ha affermato: “Se il Lazio va in giallo, va in giallo tutta l’Italia dal momento che noi abbiamo l’Rt più basso di quello nazionale. A noi non spaventa la zona gialla ma, al momento, da qui alle prossime due settimane non ci sono segnali in tal senso. Anzi, stiamo lavorando affinché venga confermato questo rallentamento della velocità di trasmissione e credo che i dati su questo ci conforteranno, come anche i dati del prossimo Rt. Se la velocità di vaccinazione continua così, se le regole vengono rispettate possiamo presumibilmente dire che da qui a Natale non ci saranno cambi di zona”.

    Sulle vaccinazioni: “Ieri abbiamo superato il valore target, fissato dalla struttura commissariale, di 28mila richiami al giorno. Abbiamo raggiunto in totale le 900mila dosi di richiamo e ci accingiamo ad arrivare ad 1mln di dosi. Inoltre arriveremo a breve a 10 milioni di dosi somministrate in totale”, ha detto D’Amato.