Home ATTUALITÀ Covid, variante indiana: isolati i passeggeri arrivati a Roma da Nuova Delhi

    Covid, variante indiana: isolati i passeggeri arrivati a Roma da Nuova Delhi

    AEROPORTO DI FIUMICINO PARTENZE PER LE VACANZE DI PASQUA, PASSEGGERI, TURISTI, FILE, CHECK IN, VALIGIE

    Sono atterrati ieri sera alle 20.20 all’aeroporto Leonardo Da Vinci di Fiumicino, 210 passeggeri provenienti dall’India. E subito sono scattate le misure sanitarie rafforzate. Perché la nuova variante del Covid indiana, la B.1.617, sembra ancora più contagiosa delle precedenti, e non è un caso che in India il numero dei contagi abbia subito un notevole incremento negli ultimi giorni.

    La Regione Lazio ha deciso ieri, in accordo con la Protezione Civile, di inasprire le misure di prevenzione per i passeggeri in arrivo dall’India. Così i 210 arrivati ieri sera da Nuova Delhi, dopo i tamponi effettuati al terminal 5, sono stati trasferiti in gran parte allo Sheraton Hotel Parco ‘de Medici, gli altri nella cittadella militare della Cecchignola.

    Lì trascorreranno la quarantena sorvegliata: vivranno 10 giorni in isolamento, durante i quali verranno sottoposti ad altri due tamponi. E in caso di positività verranno assisiti con cure adeguate. Oggi sono previsti a Fiumicino altri 360 passeggeri in arrivo da Nuova Deli: una situazione che preoccupa e sulla quale si è espresso ieri l’assessore alla sanità del Lazio Alessio D’Amato, che ha chiesto la sospensione degli arrivi dall’India.

    Il Lazio, inoltre, lavora anche per incrementare il numero di prenotazioni per il vaccino. Al momento i posti disponibili sono pochi, ma la nuova fornitura annunciata dal governo potrebbe cambiare le cose. A maggio sono previsti poco più di un 1.200.000 vaccini, abbastanza per incrementare del 60% le prenotazioni disponibili, ma non ancora sufficienti per arrivare all’obiettivo fissatoi da D’amato di 50.000 somministrazioni al giorno, per cui servirebbero solo a maggio 2.150.000 vaccini.

    Intanto, visto il taglio delle forniture di AstraZeneca, alcuni Hub cambieranno i vaccini di riferimento: la Nuvola e il centro di Fiumicino passeranno a Pfizer, mentre chi ha ricevuto la prima dose di AstraZeneca avrà il richiamo con lo stesso vaccino. Nei prossimi giorni verranno inaugurati anche gli hub di Ostia e Porta di Roma.