Home ATTUALITÀ Don Francesco Spagnesi: “Ho iniziato a drogarmi 10 anni fa, allora è...

    Don Francesco Spagnesi: “Ho iniziato a drogarmi 10 anni fa, allora è iniziato il calvario”

    CORONAVIRUS, FASE 2: LA CHIESA NOSTRA SIGNORA DI LOURDES A TORMARANCIA SI PREPARA ALLA RIAPERTURA AI FEDELI CORONA VIRUS COVID19 COVID 19 PREVENZIONE POSTI A SEDERE DISTANZIATI SULLE PANCHE SEGNALETICA PARROCCHIA PARROCCHIE CHIESE DISTANZA DI SICUREZZA DISTANZIAMENTO SOCIALE LUOGHI LUOGO DI CULTO

    “Il vortice della droga mi ha inghiottito, mi ha spinto a mentire”, lo dice in lacrime davanti ai suoi avvocati Don Francesco Spagnesi, il giovane parroco che chiedeva soldi ai fedeli per organizzare festini a base di cocaina e droga dello stupro. Ha ripulito il contro da 200mila euro della parrocchia in un anno, e non gli bastava.

    E ai partecipanti delle sue feste hot non diceva di essere sieropositivo all’Aids: “Non ho detto niente — le parole di Spagnesi riportate dal Corriere della Sera — perché ero in cura, prendevo dei medicinali anti virali e dunque non ero contagioso anche se per alcuni mesi ho interrotta la terapia”. Ma, fa sapere l’avvocato Febbo “non era contagioso perché l’effetto immunizzante cessa soltanto dopo diversi mesi”.

    Il vortice della droga si è preso un parroco colto e devoto e lo ha trasformato in un uomo assetato di sesso e cocaina: “Volevo essere il pastore dei miei fedeli, guidarli verso le vie del Signore e sono finito nel vizio e nella perdizione. Ho iniziato a drogarmi saltuariamente una decina di anni fa quando mi sono innamorato del mio compagno. Poi sono entrato nel gorgo della tossicodipendenza. E i soldi non bastavano mai. Così è iniziato il mio calvario e quello degli altri”.

    Mandava lunghi messaggi su Whatsapp per chiedere soldi ai fedeli, ufficialmente destinati a famiglie in difficoltà: “C’è una coppia che mi ha chiesto aiuto – scriveva su Whatsapp -. Sono persone in difficoltà economiche aggravate anche dal Covid-19. Gente che fino a poco tempo fa era normale e che ora ha problemi. Io mi sono attivato per pagare le bollette e raccogliere un po’ di fondi, ma servirebbe contante per aiutare tutti e due per le spese più incombenti. Tu per caso potresti aiutarmi? Sei libera di dirmi di no, così come io sono stato libero di scriverti. Questo è un periodo particolare per tutti e non posso caricare tutto sulla parrocchia, altrimenti diventa un casino”. Tra le lacrime ha promesso: “Rimborserò tutto, venderà tutte le mie proprietà per farlo”.