Elaborare uno Yamaha BW’S

    yamaha bws
    Ciao Pier, ho un problema con il mio Yamaha BW’S  Next Generation del 2000,

    versione Euro1, elaborato con variatore Polini 6 rulli (4,4 gr), frizione originale con molle verdi Pinasco e un convogliatore esterno con ventola maggiorata. Come marmitta ho scelto una Leovince ZX. Il cilindro è originale, però è stato tolta la “mezza luna” e allargato lo scarico, come carburatore ho un 12 mm lucidato e accorciato. Purtroppo da quando è stata tolta la mezzaluna e allargato lo scarico, lo scooter ha guadagnato parecchio in accelerazione, ma a ha perso in allungo (90 km/h contro i 95 km/h precedentemente indicati). Possiedo anche una centralina Top Performances rossa: dici di montarla? hai qualche altro consiglio per il mio BW’S?
    Massimo, Varese
     
    Quando si effettuano alcune modifiche sui gruppi termici, se non si interviene con un’idea precisa su cosa si vuole ottenere e come farlo, è facilissimo peggiorare la resa del motore più che migliorarla. Ad esempio il condotto di scarico dei motori Yamaha 50 ha la cosiddetta “mezzaluna”. Già 20 anni fa, quando si vedevano i primi Booster e Zuma circolare per le nostre strade, alcuni meccanici tiravano via quella parte di metallo del cilindro, senza valutare però che il condotto di scarico è realizzato con poco materiale nella parte superiore del condotto: se uno lo amplia correttamente, finisce fuori e il cilindro è da buttare via. Se, invece, il condotto si allarga solo nella parte esterna, il motore peggiora il suo rendimento complessivo.
    Alla luce di questi fatti, se proprio vuoi realizzare un 50 spinto, dovrai necessariamente partire da un gruppo termico alesaggio 40 mm fatto come si deve, con una fusione che permetta di avere un condotto di scarico realizzato a dovere come il Top Performances. Montando quel cilindro, realizzando una luce di scarico piatta nella parte superiore con diagramma 122° di travasso primario, 121° travaso secondario e 118° controluce, abbassando la testa fino a raggiungere uno squish di 0,80 mm, ti troverai con uno scooter velocissimo, con eccellenti caratteristiche in termini di accelerazione da fermo e ripresa. Quei cilindri costano poco e vanno molto, molto bene.
    Per quanto riguarda la trasmissione, lavora molto effettuando delle prove con rasamenti sul mozzo di diverso spessore. Riguardo alla centralina, se è già in tuo possesso, montala! Provarla non costa nulla! L’importante è avere la chiavetta disassata che va abbinata al volano di serie per ottimizzare l’anticipo di accensione. Senza non funziona correttamente e peggioreresti le prestazioni. Una chiavetta, se avessi dovuto perdere la tua, costa circa 2 Euro e si ordina in pochi giorni…