Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS Elezioni Istanbul: si ripete, ma rivince ancora Imamoglu

Elezioni Istanbul: si ripete, ma rivince ancora Imamoglu

Ultimo aggiornamento 10:49
Main opposition Republican People's Party (CHP) mayoral candidate, Ekrem Imamoglu, waves to the crowd during a rally following local elections in Istanbul, on April 15, 2019. - Turkish President Recep Tayyip Erdogan's ruling Justice and Development Party (AKP) was dealt an upset on March 31 when the party lost the capital Ankara to the opposition as well as Istanbul, the country's largest city. The AKP's candidate, Erdogan loyalist and former premier Binali Yildirim, lost by nearly 30,000 votes to the main opposition CHP's Imamoglu, according to early counts. (Photo by Yasin AKGUL / AFP)

Si sono ripetute le ormai più che note elezioni ad Istanbul per la nomina del sindaco. Dopo le contestazioni e la decisione di tornare alle urne, si è dunque vissuto un turno elettorale bis: e Imamoglu ha vinto di nuovo.

Elezioni bis ad Istanbul: e Imamoglu rinvince ancora

Considerato come astro nascende dell’opposizione Imamoglu dunque rivince al secondo round che è stato imposto per la decisione in merito all’elezione del sindaco di Istanbul. Il candidato ha battuto l’uomo scelto dal presidente Erdogan ed è già la seconda volta. Aveva già vinto infatti ed era stato eletto come primo cittadino il 31 marzo scorso.

Tuttavia, i ricorsi del partito di Erdogan, l’Akp, avevano portato alla invalida della consultazione elettorale, fino alla decisione di tornare alle urne. Dalle stesse urne, Imamoglu ha rivinto, prendendosi Istanbul.

Aggiornamento ore 6.01

Il candidato dell’opposizione Ekrem İmamoğlu dunque diventa il sindaco di Istanbul con all’incirca il 54% dei voti in quella che è stata a tutti gli effetti la replica, anche negli esiti, delle elezioni per il sindaco di Istanbul.

La vicenda nasce, come è noto, dopo la decisione di annullare la sua precedente vittoria alle amministrative del 31 marzo. Binali Yıldırım, candidato dell’Akp, il partito del presidente Erdoğan, lo sfidava, e aveva fortemente contestato l’esito delle urne.

In questo round due, il delfino di Erdoğan arriva al 45%. Va tenuta in considerazione la forte affluenza cittadina al voto, pari alll’84,41%: si tratta di circa 8,8 milioni su 10,5 milioni di aventi diritto.

Adesso che è ufficiale, il KO di Istanbul rappresenta un duro pugno allo stomaco per il presidente Erdogan, che proprio nel 1994 dalla poltrona di sindaco della grande città iniziò la sua cavalcata politica.

Anche se alcuni analisti vedono in questa vicenda l’inizio di una possibile discesa di Erdogan, il voto di Instanbul è un campanello ma non necessariamente l’emblema di una fine per il leader turco, anzi. E’ semmai l’inizio di una nuova fase della carriera per Imamoglu, 49enne candidato del Partito repubblicano del popolo (CHP).

Fino a poco tempo fa praticamente sconosciuto ai più, era sindaco di Beylikduzu, una circoscrizione di Istanbul: viene da Trabzon, sulla costa del Mar Nero, e sembra essere un moderato aperto al dialogo e, in prospettiva, una delle figure da contrapporre proprio al continuum politico centrale della Turchia.

Aggiornamento ore 09.38

Dopo l’esito delle amministrative del 31 marzo scorso, la poltrona di primo cittadino era di fatto già di Imamoglu. Ma poi, il 6 maggio il Consiglio elettorale superiore (Ysk), analizzando alcune presunte irregolarità, aveva revocato l’esito e indetto nuove elezioni.

Yildirim, candidato dell’Akp, il partito di governo, e del nazionalista Mhp legato ad Erdogan, era stato battuto da Imamoglu, con un risultato esiguo:  48,80% a 48,55%.

Imamoglu aveva ottenuto l’incarico lo scorso 17 aprile, ma appena due settimane dopo appunto l’Akp aveva avanzato ricorso e il Consiglio aveva sciolto le riserve richiamando tutti alle urne. Adesso, a successo confermato, può parlare Imamoglu e dire: “Si apra una nuova pagina”

Sono queste le prime parole di Ekrem Imamoglu, confermato sindaco con il 54% dei voti di Istanbul. “E’ finito il tempo delle divisioni, di questo risultato voglio che siano tutti felici”, ha dichiarato Imamoglu, dopo una lunga sfilza di ringraziamenti.

“Questa non è la mia vittoria, ma la vittoria della democrazia. Voi siete stati protagonisti di un momento di una delle pagine più belle della storia di questo Paese”, ha dichiarato Imamoglu, che ha vinto con 4.698.782 voti sullo sfidante Binali Yildirim, che di voti 777.581 in meno. “Sarò il sindaco di 16 milioni di persone, nessuno sarà escluso, è finito il tempo di pregiudizi, divisioni, conflitti, voglio una città in cui tutti, nelle loro diversità, si abbraccino”, ha concluso Imamoglu.

Aggiornamento ore 11.39