Home POLITICA ESTERI Elezioni Stati Uniti 2020, gli “endorsement” della settimana

Elezioni Stati Uniti 2020, gli “endorsement” della settimana

Ultimo aggiornamento 21:37

Il pastore Albert Mohler, uno dei leader più influenti della Southern Baptist Convention, la più grande denominazione evangelica degli Stati Uniti, voterà per Donald Trump. Lo ha riferito durante un live streaming per “Ask Anything”, come riportato dalla pagina Facebook Elezioni USA 2020. È un endorsement davvero inatteso per il presidente in carica, osteggiato e criticato fortemente da Mohler durante la campagna elettorale del 2016.

Mohler ha dichiarato di non aver cambiato più di tanto il suo giudizio su Trump rispetto a quattro anni fa, ma si ritiene tutto sommato soddisfatto del suo operato, in particolar modo per l’approccio molto conservatore su temi cari al pastore, quali l’opposizione all’aborto. È stata gradita anche la nomina nel 2017 di Neil Gorsuch alla Corte Suprema, giudice noto per essere tutt’altro che progressista.

Biden, endorsement di Jay Inslee

Il New York Times riporta che il governatore dello Stato di Washington, Jay Inslee, ha dato il suo appoggio a Joe Biden dopo aver chiacchierato con lui a lungo mercoledì pomeriggio. Inslee, uno dei più rilevanti attivisti ambientali all’interno del Partito democratico, è rimasto soddisfatto del modo in cui Biden intende fronteggiare l’emergenza climatica qualora fosse eletto presidente.

La scorsa settimana Biden ha incassato l’importante sostegno dell’ex presidente Barack Obama, di Bernie Sanders ed Elizabeth Warren, i due più famosi ex candidati alle primarie del partito. Sono appoggi fondamentali per unire il fronte democratico contro Trump e per raccogliere i soldi necessari per il proseguimento della campagna elettorale.

Secondo i dati della Commissione elettorale federale, Biden nel mese di marzo ha raccolto 46,7 milioni di dollari, mai così tanti dall’inizio della discesa in campo.

Sempre secondo il New York Times però sono cifre ben lontane dal tesoro a disposizione di Trump, che nella lotta al Covid-19 si gioca la riconferma alla Casa Bianca, nel bene o nel male.

Mario Bonito