Home POLITICA ESTERI Elezioni Usa 2020, in Georgia le schede verranno riconteggiate a mano

Elezioni Usa 2020, in Georgia le schede verranno riconteggiate a mano

Ultimo aggiornamento 09:21
DONALD TRUMP

Brad Raffensperger, segretario della Georgia, ha detto che le schede elettorali dello Stato saranno ricontate manualmente “in ogni contea”. La richiesta era stata effettuata dal team del presidente Donald Trump, che dalla fine delle elezioni accusa i democratici di presunti brogli. In Georgia Biden è avanti di 14 mila voti. “Un margine così stretto – spiega Raffensperger – che rende necessario un completo riconteggio a mano” data “l’importanza nazionale” della questione. La Georgia mette a disposizione 16 grandi elettori su 538, chiamati il 14 dicembre a eleggere ufficialmente (su mandato) il futuro presidente, ovvero Joe Biden.

“Un primo passo verso elezioni giuste”, ha commentato Tim Murtaugh, direttore della campagna di Trump. ”Il conteggio a mano – ha proseguito – di ogni singolo voto nello stato della Georgia è un importante annuncio. Non era mai accaduto prima in questo Stato. Si tratta di un primo passo importante nel processo per garantire che le elezioni siano giuste e che ogni voto legale sia conteggiato”. Trump da giorni ripete che devono essere conteggiati solo i voti legali e non quelli illegali, ma non ha detto cosa intende con voto legale. Doug Collins, deputato repubblicano della Camera dei rappresentanti per la Georgia, ha definito il riconteggio “una vittoria per l’integrità e la trasparenza”. I risultati dovrebbero arrivare entro il 20 novembre.

Leggi anche: Fox contro Trump, anche l’emittente filo-repubblicana interrompe il collegamento

Anche se il voto riconteggiato dovesse dare un esito diverso in Georgia – quasi improbabile secondo gli esperti – Biden avrebbe comunque la maggioranza dei grandi elettori, 290 (o 279 senza l’Arizona).

Mario Bonito