Home POLITICA ESTERI Elezioni Usa 2020, Trump ha veramente il coronavirus?

Elezioni Usa 2020, Trump ha veramente il coronavirus?

Ultimo aggiornamento 14:34
DONALD TRUMP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è stato dimesso ieri sera dal Walter Reed Medical Center, l’ospedale militare dove era ricoverato da venerdì per il Covid-19. Trump, 74 anni, maschio, in sovrappeso, è considerato un soggetto a rischio. Dopo solo pochi giorni però il tycoon ha sorpreso tutti ed è atterrato sul prato della Casa Bianca. Poi una breve sfilata fino al balcone, dove, togliendosi la mascherina ha lanciato un gesto di sfida al Kung-flu, il nome con cui ha ribattezzato (in chiave anti Pechino) il coronavirus.

 

Già ieri il presidente, nonostante sia ancora positivo, dunque contagioso, era uscito dall’ospedale per un giro in macchina accompagnato dagli uomini del Secret Service per salutare qualche sostenitore che da giorni ‘vegliava’ l’edificio. “Un gesto irresponsabile”, hanno commentato in tanti, sia nei confronti degli agenti a bordo del Suv che di tutti gli americani costretti alla quarantena. Ma a 28 giorni dalle presidenziali, Trump non poteva mostrarsi ferito dal virus invisibile e lasciare il campo al rivale democratico Joe Biden.

“Mi sento bene. Non abbiate paure del Covid-19. Non lasciate che domini le vostre vite”, aveva twittato poco prima di essere dimesso. Un segnale univoco: “Sono tornato e sto meglio di prima”. Un messaggio irresponsabile alla popolazione che di certo non potrebbe giovare delle stesse cure a cui è stato sottoposto in questi giorni. Ma The Donald sta provando a cambiare il vento della sua campagna elettorale. Uscito con le ossa (semi)rotte dal primo dibattito con Biden e sfavorito nei sondaggi a causa della pessima gestione della pandemia, aveva bisogno di una svolta per tornare l’uomo forte che quattro anni fa riempiva le piazze contro l’establishment. Sperava in una rapida ripresa economica, ma gli effetti del lockdown si fanno ancora sentire. La scoperta di un vaccino prima delle elezioni? “Non prima di dicembre” afferma il virologo Anthony Fauci al Corriere della Sera. Politica estera neanche a parlarne, come si è visto nel faccia a faccia del 29 settembre.

Rimangono ancora poche ipotesi. Sconfiggere il virus era una di queste. In così poco tempo, poi (anche se i medici restano in guardia), galvanizza i suoi sostenitori e sconcerta i rivali. E solleva un’illecita domanda. Ma Trump ha davvero il coronavirus?

Mario Bonito