Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS Flavio Bucci stroncato da un infarto a 72 anni. Ecco i suoi...

Flavio Bucci stroncato da un infarto a 72 anni. Ecco i suoi film

Ultimo aggiornamento 14:58

A lui è legata la migliore cinematografia degli anni ’70 quando, così come per la televisione, quando gli attori avevano una preparazione di chiara matrice teatrale. Del resto, basta ripensare al ‘suo’ Ligabue (1977), per aver idea dell’attorialità di una generazione irripetibile.
Stamane, stroncato da un infarto nella sua casa di Passoscuro, a 72 anni ci ha lasciato il grande Flavio Bucci. Dai più ricordato come il prete-contro – don Bastiano – del ‘Marchese del Grillo’, l’attore era nato da una famiglia molisano-pugliese, ma fu a Torino che capì la sua direzione, frequentando la Scuola del Teatro Stabile. Di lì, proprio in virtù della sua bravura, venne chiamato dall’altrettanto grande Elio Petri che, nonostante fosse un esordiente, decise di affidargli il ruolo da protagonista ne ‘La proprietà non è più un furto’ (1973).
Persona mite e molto riservata, pur essendo socievole, Bucci ha sempre protetto la sua privata preferendo concedersi totalmente solo in termini ed ambiti artisti. Tuttavia si sa che è stato sposato con Micaela Pignatelli, con la quale ha fatto due figli: Alessandro e Lorenzo. Ma l’attore aveva anche un un terzo figlio, Ruben, nato nell’ambito di una relazione che ebbe la produttrice olandese Loes Kamsteeg.

Il sindaco Montino: “Fa parte della storia del Cinema”

Appresa la notizia, il sindaco di Fiumicino, Ester Montino, ha commentato su Fb: “Quando un artista se ne va lascia sempre un gran vuoto. Mi dispiace molto della scomparsa dell’attore Flavio Bucci, che da anni risiedeva a Passoscuro. Tutti lo ricordano in alcuni suoi ruoli memorabili in film altrettanto indimenticabili: penso al ‘Marchese del Grillo’, accanto a Sordi, a ‘Suspiria’ del maestro del terrore Dario Argento, a ‘Il divo’ di Paolo Sorrentino, solo per citarne alcuni. Un grande caratterista, di quelli che hanno fatto grande la cinematografia italiana. Esprimo le condoglianze mie e dell’Amministrazione ai familiari e amici”.

Come dicevamo furono molti e tutti di ottima qualità i lavori cine-televisivi che caratterizzarono la sua carriera, ma anche in teatro si guadagnò la stima del pubblico ed il rispetto della critica. Vediamo insieme cosa ha lasciato questo splendido attore alla nostra cinematografia, ed alla televisione:

Flavio Bucci protagonista al Cinema

La classe operaia va in paradiso, regia di Elio Petri (1971); L’amante dell’Orsa Maggiore, regia di Valentino Orsini (1972); Il generale dorme in piedi, regia di Francesco Massaro – non accreditato (1972); La proprietà non è più un furto, regia di Elio Petri (1973); L’ultimo treno della notte, regia di Aldo Lado (1975); I giorni della chimera, regia di Franco Corona (1975); La orca, regia di Eriprando Visconti (1976); L’Agnese va a morire, regia di Giuliano Montaldo (1976); Italian Superman, episodio di Quelle strane occasioni, regia di Nanni Loy (1976); Suspiria, regia di Dario Argento (1977); Una spirale di nebbia, regia di Eriprando Visconti (1977); Dove volano i corvi d’argento, regia di Piero Livi (1977); Gegè Bellavita, regia di Pasquale Festa Campanile (1978); Ammazzare il tempo, regia di Mimmo Rafele (1979); Maledetti vi amerò, regia di Marco Tullio Giordana (1980); Matlosa (Matlosa), regia di Villi Hermann (1981); Uomini e no, regia di Valentino Orsini (1981); Il marchese del Grillo, regia di Mario Monicelli (1981); La montagna incantata, regia di Hans W. Geissendörfer (1982); L’inceneritore, regia di Pier Francesco Boscaro dagli Ambrosi (1982); Sogno di una notte d’estate, regia di Gabriele Salvatores (1983); Le due vite di Mattia Pascal, regia di Mario Monicelli (1985); Tex e il signore degli abissi, regia di Duccio Tessari (1985); La donna delle meraviglie, regia di Alberto Bevilacqua (1985); Il giorno prima, regia di Giuliano Montaldo (1987); Pehavý Max a strasidlá, regia di Juraj Jakubisko (1987); Il mistero del panino assassino, regia di Giancarlo Soldi (1987); Secondo Ponzio Pilato, regia di Luigi Magni (1987); Com’è dura l’avventura, regia di Flavio Mogherini (1987); La posta in gioco, regia di Sergio Nasca (1988); Anni 90, regia di Enrico Oldoini (1992); Amami, regia di Bruno Colella (1993); Teste rasate, regia di Claudio Fragasso (1993); Quando le montagne finiscono, regia di Daniele Carnacina (1994); Fratelli coltelli, regia di Maurizio Ponzi (1997); La carabina, regia di Sergio Russo – cortometraggio (1997); I miei più cari amici, regia di Alessandro Benvenuti (1998); Frigidaire – Il film, regia di Giorgio Fabris (1998); Lucignolo, regia di Massimo Ceccherini (1999); Muzungu, regia di Massimo Martelli (1999); Volesse il cielo!, regia di Vincenzo Salemme (2002); Hotel Dajti, regia di Carmine Fornari (2002); Lettere al vento, regia di Edmond Budina (2003); Caterina va in città, regia di Paolo Virzì (2003); Il silenzio dell’allodola, regia di David Ballerini (2005); L’uomo spezzato, regia di Stefano Calvagna (2005); Lezioni di volo, regia di Francesca Archibugi (2007); La morte di pietra, regia di Roberto Lippolis (2008); Il divo, regia di Paolo Sorrentino (2008); Mai altri, regia di Fabio Perroni – cortometraggio (2008); Fly Light, regia di Roberto Lippolis (2009); Border Line, regia di Roberto Lippolis (2010); La scomparsa di Patò, regia di Rocco Mortelliti (2010); La grande rabbia, regia di Claudio Fragasso (2016); Il vangelo secondo Mattei, regia di Antonio Andrisani e Pascal Zullino (2016); Agadah, regia di Alberto Rondalli (2017); La cornice, regia di Nour Aya (2018)

Flavio Bucci protagonista in Televisione

Il lungo viaggio, regia di Franco Giraldi – miniserie TV (1975); Ligabue, regia di Salvatore Nocita – miniserie TV (1977); Circuito chiuso, regia di Giuliano Montaldo – film TV (1978); I problemi di Don Isidro, regia di Andrea Frezza – miniserie TV (1978); Martin Eden, regia di Giacomo Battiato – miniserie TV (1979); Poco a poco, regia di Alberto Sironi – miniserie TV (1980); Il caso Graziosi, regia di Michele Massa – miniserie TV (1981); Storia di Anna, regia di Salvatore Nocita – miniserie TV (1981); Don Luigi Sturzo, regia di Giovanni Fago – miniserie TV (1981); La quinta donna, regia di Alberto Negrin – miniserie TV (1982); Il diavolo al Pontelungo, regia di Pino Passalacqua – miniserie TV (1982); Bebawi: Il delitto di via Lazio, regia di Michele Massa – film TV (1983); Quer pasticciaccio brutto de via Merulana, regia di Piero Schivazappa – miniserie TV (1983); La piovra, regia di Damiano Damiani – miniserie TV (1984); Il generale, regia di Luigi Magni – miniserie TV (1987); La zia di Frankenstein (Teta) – serie TV, 7 episodi (1987); L’ingranaggio, regia di Silverio Blasi – miniserie TV (1987); Gli angeli del potere, regia di Giorgio Albertazzi – film TV (1988); The Nightmare Years, regia di Anthony Page – miniserie TV (1989); I promessi sposi, regia di Salvatore Nocita – miniserie TV (1989); Con i clown vennero le lacrime, regia di Reinhard Hauff – miniserie TV (1990); Un inviato molto speciale – serie TV, 1×06 (1992); Einer stirbt bestimmt, regia di Rainer Bär – film TV (1992); Inside the Vatican, regia di John McGreevy – miniserie TV (1993); La dottoressa Giò – Una mano da stringere, regia di Filippo De Luigi – film TV (1995); La dottoressa Giò – serie TV, 10 episodi (1997-1998); Provincia segreta – serie TV (1998); L’avvocato Guerrieri – Ad occhi chiusi, regia di Alberto Sironi – film TV (2008).

Flavio Bucci protagonista in Teatro

Sono numerosi e per lo più qualitative le presenze sulla scena di Bucci, Tra queste ricordiamo:
Opinioni di un clown di Heinrich Böll; Le memorie di un pazzo di Gogol’; Uno, nessuno e centomila; Il fu Mattia Pascal e Chi ha paura di Virginia Woolf? (regia di Marco Mattolini); Riccardo III; Quaderni di Serafino Gubbio operatore e I giganti della montagna (regia di Mario Missiroli). Dopo una lunga assenza dalle scene tornò sulle scene con lo spettacolo dedicato a Giacomo Leopardi Che fai tu luna in ciel, dimmi che fai, per la regia di Marco Mattolini – con la danzatrice Gloria Pomardi e la pianista e compositrice Alessandra Celletti

Flavio Bucci protagonista nei Cortometraggi

La carabina, regia di Sergio Russo (1997); Leo e il mare, regia di Francesco Lama (2019)

Flavio Bucci protagonista al Doppiaggio

Per il Cinema:
John Travolta in La febbre del sabato sera, Grease, Attimo per attimo; Sylvester Stallone in Happy Days – La banda dei fiori di pesco; Gérard Depardieu in L’ultima donna; Miki Manojlović in Underground

Per le serie Tv:
Tom Wopat in Hazz

Una delle sue ultime interviste rilasciate, in questo caso al canale su Youtube ‘Notizie di oggi’, dove l’attore si mette a nudo come uomo, raccontando la sua ‘tumultuosa esistenza…

Max