Home ATTUALITÀ Google, boom di ricerche “attacco di panico” dopo la pandemia da Covid...

Google, boom di ricerche “attacco di panico” dopo la pandemia da Covid 19

Ultimo aggiornamento 16:14

Le ricerche su Internet della frase “attacco di panico” sono salite a livelli record all’inizio della crisi del coronavirus, rivela una nuova ricerca.

La scoperta ha fatto temere che la pandemia di Covid-19 possa innescare una crisi di salute mentale. Ma gli esperti dicono che valutare quanto siano diffusi i problemi di salute mentale è difficile da quantificare.

Il dottor John Ayers, specializzato nel monitoraggio delle esigenze sanitarie del pubblico, ha affermato: “La tradizionale sorveglianza sanitaria pubblica non ha l’agilità per fornire informazioni su richiesta. Di conseguenza, quando i leader pubblici hanno bisogno di dati in tempo reale per informare le loro risposte ai carichi di salute mentale del Covid-19, tutto ciò che può essere raccolto è una speculazione teorica”.

Le ricerche di Google per “attacco di panico” raggiungono livelli record durante la pandemia di coronavirus

Ma un nuovo studio, pubblicato su JAMA Internal Medicine, guidato dal dottor Ayers e dalla dottoressa Alicia Nobles, dell’Università della California di San Diego, ha trovato prove di un “livello record” in potenziali attacchi di ansia o attacchi di panico tramite Google.

Il team di ricerca ha analizzato le query di ricerca di Google che menzionavano “attacco di panico” o “attacco di ansia” emerse dagli Stati Uniti dal gennaio 2004 al 9 maggio di quest’anno. Questi includevano domande come “sto avendo un attacco di panico?”, “Segni di attacco di ansia” o “sintomi di attacco di ansia”.

Valutando le tendenze dopo che il presidente Trump ha dichiarato per la prima volta un’emergenza nazionale il 13 marzo di quest’anno per valutare l’impatto del Covid-19, il team ha scoperto che le ricerche correlate all’ansia acuta grave hanno raggiunto livelli record.

I maggiori aumenti nelle query si sono verificati tra il 16 marzo e il 14 aprile, con un aumento cumulativo del 17%. Gli aumenti hanno coinciso con il lancio delle linee guida nazionali di distanziamento sociale e quando gli Stati Uniti hanno superato la Cina con i casi e l’Italia per i decessi.

Il dottor Benjamin Althouse, Principal Scientist presso l’Institute for Disease Modeling, ha dichiarato: “In termini pratici, nei primi 58 giorni della pandemia COVID-19 ci sono state circa 3,4 milioni di ricerche totali relative all’ansia acuta grave negli Stati Uniti. In effetti, le ricerche di ansia e attacchi di panico sono state le più alte mai effettuate in oltre 16 anni di dati storici di ricerca”.