Home ATTUALITÀ Google, una class action fa causa per 5 miliardi: “Raccoglie dati nella...

Google, una class action fa causa per 5 miliardi: “Raccoglie dati nella navigazione in incognito”

Ultimo aggiornamento 14:51

Google terrebbe traccia dell’attività web degli utenti anche mentre utilizzano la modalità di navigazione in incognito. È la teoria alla base della class action statunitense che accusa la società di ricerca su Internet di invadere illegalmente la privacy di milioni di utenti del suo browser Chrome.

La modalità di navigazione in incognito di Chrome o la “navigazione privata” dovrebbe consentire agli utenti di navigare in Internet senza archiviare i propri dati.

Tuttavia, la causa accusa Google di raccogliere segretamente informazioni su ciò che le persone visualizzano online anche quando utilizzano la modalità di navigazione in incognito.

Google, come funziona la modalità in incognito e come protegge la privacy degli utenti. Ecco la causa legale da 5 miliardi

La denuncia è stata presentata contro la società madre di Google Alphabet martedì davanti al tribunale federale di San Jose, in California. Secondo l’accusa, Google raccoglie i dati tramite Google Analytics, Google Ad Manager, plug-in del sito Web e app per smartphone.

Ciò include i siti che visitano e dove navigano. Google lo fa presumibilmente indipendentemente dal fatto che gli utenti facciano clic su annunci supportati da Google.

La tattica aiuta Google a conoscere amici, hobby, cibi preferiti, abitudini di acquisto e persino le “cose ​​più intime e potenzialmente imbarazzanti” che cercano online, ha affermato il reclamo.

Google non può continuare a impegnarsi nella raccolta di dati nascosti e non autorizzati praticamente da tutti gli americani con un computer o un telefono“, afferma la denuncia. Jose Castaneda, un portavoce di Google, ha dichiarato che la società californiana si difenderà con forza dalle affermazioni.

Come diciamo chiaramente ogni volta che apri una nuova scheda in incognito, i siti Web potrebbero essere in grado di raccogliere informazioni sulla tua attività di navigazione“, ha affermato.