Home SPETTACOLO CINEMA I 90 anni regalano l’Oscar alla grande Lina Wertmuller

I 90 anni regalano l’Oscar alla grande Lina Wertmuller

Nel suo passato di stimatissima ed acclamata regista anche oltre oceano, spicca la candidatura – unica donna nella storia dell’ambito riconoscimento cinematografico mondiale – all’Oscar 1977 come miglior regista (per la precisione le candidature furono addirittura 4: migliore regia, miglior film in lingua straniera, miglior attore protagonista e migliore sceneggiatura originale), per il bellissimo ‘Pasqualino Settebellezze’, interpretato da un immenso Giancarlo Giannini, che proprio con la regista tre anni prima fece innamorare l’America con il bellissimo ‘Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto’.
Ed oggi alla regista-sceneggiatrice Lina Wertmüller (all’anagrafe Arcangela Felice Assunta Wertmüller von Elgg Spanol von Braueich, nata a Roma il 14 agosto del 1928), è giunta dall’Academy of Motion Picture Arts & Sciences la bellissima notizia: quest’anno tra gli Oscar assegnati alla carriera c’è uaa statuetta anche per lei.
Sempre apprezzato, il cinema di questa straordinaria donna ha puntualmente attratto stima e curiosità, basta pensare che il suo esordio dietro la macchina da presa (nel 1963), con ‘I basilischi’, fu subito saltato con una prestigiosa Vela d’argento al Locarno Festival di quell’anno. Tra i premi e le onorificenze dedicate alla Wertmuller ricordiamo inoltre – nel 2010 – il David di Donatello alla carriera; quindi la cittadinanza onoraria della città di Napoli, conferitale il 22 dicembre del 2015 dal sindaco Luigi de Magistris. Dal 27 dicembre 2018 poi la regista è Cavaliere di gran croce dell’Ordine al merito della Repubblica italiana, riconoscimento avvenuto su ‘proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Tornando ala prestigiosa ‘statuetta’, nell’occasione, sempre per la Carriera, insieme alla ‘nostra’ Lina saranno inoltre premiati anche Geena Davis, David Lynch, e Wes Studi.
Max