Home ATTUALITÀ I videogiochi non rendono violenti: nuovo studio smentisce opinione diffusa

I videogiochi non rendono violenti: nuovo studio smentisce opinione diffusa

Ultimo aggiornamento 09:19

I migliori psicologi sono andati in difesa di videogiochi violenti come Call of Duty e Grand Theft Auto. Un’enorme indagine su 21.000 giovani in tutto il mondo ha scoperto che i giochi, anche quelli considerati violenti,non portano alla violenza o a tendenze aggressive.

I politici hanno a lungo incolpato sangue, violenza e droghe nei giochi per radicalizzare le “menti disturbate” e promuovere “ideologie sinistre”. Dozzine di crimini violenti, tra cui sparatorie di massa negli Stati Uniti, sono stati collegati alle abitudini di gioco degli autori malati.

Tuttavia, tali punti di vista non sono supportati dalla scienza, secondo un nuovo studio scritto da un team internazionale di ricercatori.

I videogiochi come GTA o Call of Duty non portano a comportamenti violenti”, rivela uno studio su 21.000 giovani

Gli esperti hanno analizzato i dati raccolti durante dozzine di studi nel possibile legame tra videogiochi violenti e comportamenti aggressivi. Non hanno trovato prove significative che i giochi siano un fattore scatenante per la violenza nella vita reale.

“Per decenni, le persone si sono chieste se giocare a videogiochi violenti avrebbe un impatto a lungo termine sull’aggressività tra i giocatori“, ha detto al Times il professor Chris Ferguson, psicologo della Stetson University in Florida, che ha guidato lo studio. “Abbiamo scoperto che, nel complesso, la relazione a lungo termine tra il gioco aggressivo e il comportamento aggressivo dei giocatori era molto piccola e ampiamente spiegata da cattive pratiche in alcuni studi piuttosto che da effetti” reali “.

Per quegli studi con i migliori metodi controllati, gli effetti del gioco aggressivo erano statisticamente indistinguibili da nessun effetto“.

Il suo team ha analizzato 28 studi nel corso degli anni coinvolgendo circa 21.000 giovani partecipanti. Hanno esaminato se coloro che hanno giocato ai videogiochi per più di tre mesi abbiano sperimentato un aumento della loro aggressività.

La ricerca ha anche studiato il modo in cui l’aggressività è stata valutata nella ricerca precedente per scoprire se i difetti in quei documenti hanno portato a risultati errati.