Il Giappone sostiene l’emissione samurai bond

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Il Giappone sostiene l’emissione “samurai bond” da 200 miliardi di yen della Malesia Il primo ministro malese Mahathir Mohamad e il suo omologo giapponese Shinzo Abe si stringono la mano prima dell’incontro a Tokyo il 6 novembre (Foto di Uichiro Kasai) TOKYO (Kyodo) – Il primo ministro giapponese Shinzo Abe e il suo omologo maltese Mahathir Mohamad hanno concordato martedì di portare avanti il piano della Malesia di emettere 200 miliardi di yen (1,8 miliardi di dollari) di obbligazioni denominate in yen per aiutare il paese del Sudest asiatico a risolvere il suo debito . Il leader malaysiano di 92 anni, che ha a lungo sostenuto una politica di “Look East” di apprendimento dalla crescita economica del Giappone, ha espresso la sua gratitudine ad Abe, lodando “l’atteggiamento molto positivo” che Tokyo ha mostrato nei confronti dei problemi finanziari del suo paese . Abe ha anche detto che il Giappone è pronto a prendere in considerazione ulteriori aiuti per gli sforzi della Malesia per lavorare su questioni di ricostruzione fiscale, se dovesse sorgere una tale necessità in futuro, Mahathir ha detto ad una conferenza stampa congiunta con Abe presso l’ufficio del primo ministro a Tokyo. Secondo il governo malese, le “obbligazioni samurai” decennali saranno garantite tramite la Banca giapponese per la cooperazione internazionale, con una cedola indicativa dello 0,65% e saranno rilasciate prima del marzo del prossimo anno. L’amministrazione di Mahathir ha dichiarato che il debito del governo federale si attesta a 1,1 trilioni di ringgit (263 miliardi di dollari) alla fine dello scorso anno, rispetto ai 686,8 miliardi di ringgit rivendicati dal precedente governo guidato da Najib Abdul Razak, dopo aver tenuto conto delle passività nella forma di garanzie governative. I due leader hanno inoltre concordato sulla necessità di cooperare nell’affrontare le sfide regionali, compresa la denuclearizzazione della Corea del Nord e la situazione nel Mar Cinese Meridionale, dove la Malaysia e altre nazioni del Sud-est asiatico hanno sovrapposti rivendicazioni territoriali con la Cina. La terza visita di Mahathir in Giappone da quando è entrato in carica a maggio è visto come un ulteriore segnale che la Malesia sta mantenendo le distanze dalla Cina. Il primo ministro malese ha demolito o rinviato diversi progetti infrastrutturali sostenuti dalla Cina promossi dal governo precedente, tra cui una ferrovia ad alta velocità lungo la costa orientale del paese, citando i loro costi elevati. Abe ha detto in conferenza stampa che il Giappone “continua a impegnarsi a offrire cooperazione (in Malesia) in settori quali istruzione, promozione degli investimenti, sviluppo delle risorse umane e trasferimenti di tecnologia”. Il primo ministro ha detto che il Giappone invierà anche esperti dalla Kyushu Railway Co. e dalla Japan Freight Railway Co. in Malaysia nel corso del mese per studiare modi per migliorare il sistema di trasporto ferroviario del paese. Il leader più anziano del mondo, che era al potere tra il 1981 e il 2003, è tornato in carica dopo la vittoria elettorale generale dell’alleanza dell’opposizione all’inizio di quest’anno, nel primo cambio di potere del paese dall’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1957. Ha promosso il “Look East” “politica dal suo primo stint. Martedì precedente, l’imperatore Akihito conferì il Gran Cordone dell’Ordine dei Fiori di Paulownia, la più alta decorazione che il Giappone avrebbe assegnato questo autunno, su Mahathir e altri.