In occasione dell’assemblea di Assolombarda alla Scala, il ministro dell’economia Giovanni Tria è di nuovo intervenuto sulla questione della manovra economica rassicurando i presenti.

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Nel 2014 era il sindaco pentastellato più amato d’Italia. Mario Puddu, ex sindaco di Assemini, attuale coordinatore del Movimento e candidato governatore alle prossime elezioni regionali, aveva raggiunto oltre il 42% dei consensi. Ora la situazione si è però vertiginosamente rovesciata: Puddu è stato infatti condannato ad un anno di reclusione con l’accusa di abuso d’ufficio. Immediato dunque il suo ritiro dalla competizione, come lui stesso ha annunciato.
    La richieta è partita dal pm Marco Cocco, accolta poi dal Gup di Cagliari Roberto Cau. I fatti risalgono al 2015 quando tre consigliere pentastellate dissidenti, poi espulse, presentarono un esposto contro l’allora sindaco, accusandolo di aver ideato una pianta organica del Comune di Assemini in modo tale da demansionare una dipendente – poi costituitasi parte civile – a vantaggio di altre due. Puddu – presente in aula al momento della sentenza – è uscito scosso. “E’ andata male, non me l’aspettavo”, ha commentato. Poi, sulla sua pagina facebook, ha comunicato il ritiro della candidatura a governatore della Regione sardegna. “Oggi è una giornata triste per me: il Tribunale di Cagliari mi ha condannato per abuso d’ufficio in riferimento ad una vicenda avvenuta quando ero sindaco di Assemini. La sentenza mi amareggia perchè io continuo a ritenere di avere fatto il mio dovere, nell’esclusivo interesse dei cittadini. Nonostante la condanna sia di natura ben diversa da quelle cui siamo stati (ahinoi) abituati vedendo in questi anni chi ci amministra e chi ci governa, è però fondamentale levare immediatamente da ogni imbarazzo la forza politica che amo e in cui credo fortemente. Per cui, ancora prima e a prescindere dalle regole del Movimento, faccio un passo di lato, ritirando la mia candidatura alla presidenza della Regione. Ciò mi provoca un grande dispiacere e dolore”.
    Puddu aveva chiesto il rito abbreviato. Le motivazioni della sentenza arriveranno entro 90 giorni. Secondo quanto ricostruito dall’accusa, nei mesi successivi al suo insediamento in municipio Puddu, per rivedere l’organico dell’amministrazione, aveva deciso di avvalersi dei suggerimenti dell’avvocato Murtas, legale amministrativista e con un passato vicino al Pd. Due funzionarie comunali, fra le quali la moglie di Murtas, erano state scelte per ruoli di responsabilità, a scapito – secondo l’accusa – di una terza che ha scelto di costituirsi parte civile nel procedimento contro l’ex sindaco, cui alle elezioni del giugno scorso è subentrata Sabrina Licheri (M5S).