Home CRONACA CRONACA ITALIANA Incidente Corso Francia, i genitori di Gaia e Camilla: “Domiciliari? Dovevano dargli...

Incidente Corso Francia, i genitori di Gaia e Camilla: “Domiciliari? Dovevano dargli di più”

Ultimo aggiornamento 10:45

Tutti riuniti in preghiera per ricordare due giovani angeli volati troppo presto. La chiesa Preziosissimo Sangue di Nostro Signore al Fleming, dove oggi si svolgono i funerali di Gaia e Camilla, era già piena nella giornata di ieri per la veglia per le due ragazze investite mentre attraversano Corso Francia la notte tra sabato e domenica.

Proprio finita la messa in ricordo delle due giovani i genitori delle sedicenni hanno saputo degli arresti domiciliari per Pietro Genovese, il ventenne che la guida del suv ha travolto e ucciso Gaia e Camilla, strette mano nella mano e sbalzate via per decine di metri a seguito del violento impatto.

“Quel ragazzo è un disperato”

La notizia della misura cautelare imposta al giovane è arrivata alle orecchie dei genitori delle ragazze ucciso appena terminata la veglia. Una notizi amara da digerire per la mamma di Gaia von Freymann, che al Corriere della Sera ha espresso tutto il suo disappunto: “Gli hanno dato i domiciliari? Meritava sicuramente qualcosa di più, ci ha portato via due angeli, comunque è una buona notizia”.

Ancora: “La famiglia dell’investitore non si è fatta sentire, ma meglio così, quel ragazzo rimane un disperato”. Disperato come il commento del papà di Camilla Romagnoli: “Non mi cambia niente che l’abbiano arrestato. La verità è che Camilla aveva ancora tanto da darmi e invece adesso siamo ridotti così, non m’importa niente di lui. Il mio cuore è per Camilla e con Gaia”. Ha concluso il signor Marino.