Iran, preoccupano i test missilistici nucleari

    Ultimo aggiornamento 00:00

    È previsto per oggi un Consiglio di sicurezza dell’Onu a porte chiuse, su esplicita richiesta di Francia e Gran Bretagna, che ha come tema portante i test di un missile a medio raggio che sono avvenuti questo  sabato in Iran. Secondo fonti statunitensi, il vettore è partito dall’Iran sabato infrangendo i patti sulla risoluzione dell’Onu del 2015 per il nucleare dell’Iran, patto da cui Washington è voluta uscirne. La Francia ha manifestato i suoi timori per il lancio “provocatorio e destabilizzante”, a sua detta “non conforme” con l’accordo Onu.-Iran sul nucleare. Il ministro britannico degli Esteri, Jeremy Hunt, ha ribattezzato il test missilistico “provocatorio, minaccioso e incompatibile” con gli accordi stabiliti, e ha evuidenziato che Londra è pronta “a far cessare” i test iraniani. “Condanna” anche dal ministero degli Esteri della Germania. L’ incaricata del ministero, Maria Adebar, “tali azioni aumentano le tensioni di sicurezza già elevate nella regione”, ha detto, sottolineando che Berlino “esorta l’Iran a fermare tali azioni”.Il lancio del primo dicembre scorso aveva provocato un’accesa disputa tra Washington e Teheran sul piano missilistico di quest’ultimo, che il presidente Usa Donald Trump ha elencato tra le motivazioni del ritiro statunitense dalla risoluzione sul nucleare. Il segretario di Stato Mike Pompeo aveva valutato il test del nuovo missile iraniano in grado di sostenere testate multiple, dichiarando che si tratta di un’infrazione della risoluzione 2231 dell’Onu che ha stabilito l’intesa sul nucleare. “Il regime iraniano ha appena testato un missile balistico a medio raggio in grado di trasportare più testate”, questo quanto scritto nel tweet-denuncia del segretario di Stato Usa Pompeo. Sempre Pompeo ha poi esortato il governo iraniano a bloccare immediatamente i test. “Come abbiamo avvertito da tempo – ha detto Pompeo – i test missilistici e la proliferazione missilistica dell’Iran stanno aumentando e stiamo accumulando il rischio di un’escalation nella Regione se non riusciamo a ripristinare la deterrenza. Condanniamo queste attività e chiediamo all’Iran di cessare immediatamente tutte le attività connesse ai missili balistici progettati per essere in grado di fornire armi nucleari”.