Italiana rapita, Moavero; ‘’Seguiamo la vicenda’’

    Ultimo aggiornamento 00:00

    “Stiamo seguendo da vicino il terribile episodio della collaboratrice italiana rapita Silvia Romano”: il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi ha parlato così a Rai1. “Le autorità keniane stanno lavorando sodo, c’è una riserva inevitabile ma siamo tutti molto occupati a portarla a casa il prima possibile”. Per liberare l’italiana 23 enne rapita lunedì sera a Chakama, in Kenya, da una banda di criminali comuni quasi certamente, le autorità locali stanno monitorando l’area usando i droni, e un numero di emergenza è stato attivato per raccogliere i rapporti che aiutano a liberare la ragazza .

    Nel frattempo, ci sono già una ventina di persone in carcere: diciassette arrestati ieri e altri tre oggi: “Ci stanno dando preziose informazioni per rintracciare e salvare la giovane donna”, ha detto il capo della polizia locale, Joseph Boinett. Secondo la TV locale Ntv Kenya, ha aggiunto: “Non sappiamo ancora chi la tiene prigioniera, ma siamo ottimisti”.

    La donna è stata forzatamente portata via da un commando di tre o cinque persone armate, che hanno attaccato la casa in cui viveva a Chakama, a 80 chilometri da Malindi. Secondo i testimoni, gli aggressori erano tre, tutti equipaggiati con Kalashnikov. “Il loro scopo era rubare denaro”, ha detto un altro testimone alla TV KTN, affermando che il commando ha afferrato la donna italiana rapita mentre usciva da una stanza per vedere cosa stava succedendo. “Sono andati con lei al fiume e prima di lasciare il villaggio hanno iniziato a sparare sfrenatamente, così hanno ferito una donna e quattro bambini” è stata la sua ricostruzione. Tra i feriti, un bambino di 10 anni colpito negli occhi e un dodicenne preso alla coscia, ha detto la polizia. Silvia è volontaria dell’Onlus Africa Milele, con sede a Fano e in Africa da alcuni mesi. Le era stato consigliato di non trasferirsi in quel remoto villaggio perché era molto isolata e senza alcuna protezione della polizia.