Khashoggi e Yemen, freddezza fra Arabia Saudita e Usa

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Il caso Khashoggi e la guerra nello Yemen continuano a irrigidire i rapporti tra l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti. Oggi Riad ha rifiutato di chiamarlo un’indebita ingerenza negli affari interni di un paese che la mozione approvata giovedì dal Senato americano ha accusato unanimemente il principe ereditario saudita, Mohammed Bin Salman, per la morte del giornalista Jamal Khashoggi.

    Lo stesso giorno il Senato ha anche approvato una mozione per porre fine alla partecipazione americana alla guerra in Yemen, dove una coalizione militare araba guidata da Riad è in guerra con i miliziani sciiti Houthi.

    In una dichiarazione, il ministero degli Esteri saudita ha definito la mozione come una “interferenza” basata su “affermazioni e accuse infondate”. Il testo, rilanciato dall’agenzia di stampa Spa, afferma che la mozione del Senato degli Stati Uniti “contiene una notevole interferenza negli affari interni del Regno, mettendo a rischio il ruolo regionale e internazionale del Regno”.

    L’Arabia Saudita, continua, “rifiuta categoricamente qualsiasi interferenza nei suoi affari interni e tutte le accuse che, in ogni modo, non rispettano la sua leadership”.
    Secondo la monarchia saudita questa posizione del Senato degli Stati Uniti invia un “messaggio sbagliato a tutti coloro che vogliono causare una disputa nei rapporti tra l’Arabia Saudita e gli Stati Uniti”. Riad “spera di non essere trascinato in nessun dibattito politico interno negli Stati Uniti, per evitare significativi impatti negativi su questa importante relazione strategica”.

    La mozione del Senato degli Stati Uniti in realtà non impegna Washington in alcun modo, le risoluzioni non possono essere discusse in Aula prima di gennaio e probabilmente in ogni caso si scontreranno con il veto di Trump. Ma il voto del Senato invia un messaggio forte alla Casa Bianca circa l’ira di entrambe le parti nel Congresso verso Riyadh: è stata la prima posizione ufficiale contro la guerra nello Yemen e la politica di Trump di sostegno incondizionato all’Arabia Saudita.

    I testi furono approvati essenzialmente con i voti dei democratici, ma anche di alcuni repubblicani. Il primo chiede al presidente Donald Trump di “ritirare le forze armate americane dalle ostilità nello Yemen o che riguardano lo Yemen, a meno che non siano impegnate in operazioni contro al-Qaeda o forze associate”. Nel secondo, il senato “ritiene che il principe ereditario Mohammad Bin Salman sia responsabile dell’omicidio” del giornalista saudita, ucciso nel consolato del suo paese a Istanbul il 2 ottobre.