L’ex first lady delle Filippine fa appello all’arresto

    Ultimo aggiornamento 00:00

    L’ex first lady delle Filippine, Imelda Marcos, fa appello alla sentenza dell’organo di arresto della corte. La corte anti-corruzione delle Filippine venerdì ha ordinato l’arresto dell’ex first lady Imelda Marcos dopo averla dichiarata colpevole di sette capi d’accusa durante la dominazione biennale del marito e dell’ex dittatore, Ferdinand Marcos. Ma Marcos, 89 anni, famoso per una vasta collezione di scarpe, gioielli e opere d’arte, può evitare l’arresto e rimanere libero se fa appello alla decisione e, se negata, può sfidarla alla Corte Suprema. Marcos ha detto in una dichiarazione che il suo avvocato sta “studiando la decisione e ci ha informato che intende presentare una mozione per il riesame”. La vedova del defunto dittatore si trova di fronte a dozzine di casi di innesto protratto che l’hanno perseguitata da quando la sua famiglia è stata rovesciata in una rivolta popolare sostenuta dall’esercito nel 1986. La corte ordinò a Marcos, una deputata, di servire da sei a undici anni di prigione per ciascuno dei sette conteggi dell’innesto. È stata accusata di aver effettuato sette trasferimenti bancari per un totale di $ 200 milioni a fondazioni svizzere durante il suo mandato di governatore di Manila. La decisione della corte arrivò quasi tre decenni dopo la presentazione del caso. Secondo le regole del Sandiganbayan, l’ex first lady ha 15 giorni dalla promulgazione della sentenza per presentare un ricorso, e il tribunale anti-innesto ha 30 giorni entro i quali decidere su di esso. Marcos può anche andare direttamente alla Corte Suprema per cercare sollievo. Può anche presentare una richiesta di libertà provvisoria. Marcos, una seduta congressuale di tre anni, si è iscritta come candidato il prossimo maggio per succedere a sua figlia, Imee Marcos, 62 anni, come governatore di Ilocos Norte, la roccaforte della potente famiglia di Marcos. Imee è in corsa per il senato filippino nel 2019. “Spero che questa sentenza serva da guida elettorale cruciale per i nostri elettori nelle prossime elezioni”, ha detto in una nota il senatore dell’opposizione Risa Hontiveros. Ferdinando Marcos governò le Filippine per due decenni, ponendo il paese sotto la legge marziale nel 1972, durante il quale migliaia di oppositori furono imprigionati, uccisi o scomparsi. Fu accusato di aver accumulato oltre 10 miliardi di dollari mentre era in carica e morì in esilio nel 1989. Il presidente Rodrigo Duterte gode di buoni legami con la famiglia Marcos e ha spesso elogiato il defunto uomo forte.