La Cina apre il ponte sul mare più lungo del mondo

    Ultimo aggiornamento 00:00

    La Cina ha inaugurato oggi il ponte marittimo più lungo del mondo che collega Hong Kong alla terraferma, un’impresa ingegneristica che ha un immenso significato economico e politico. Il presidente cinese Xi Jinping ha presieduto una cerimonia nella città di Zhuhai per aprire il ponte lungo 55 chilometri (34 miglia) che lo collega alle regioni semi-autonome di Hong Kong e Macao. Fuochi d’artificio digitali esplosi su uno schermo alle sue spalle mentre i leader delle tre città guardavano. Il ponte da 20 miliardi di dollari ha impiegato quasi un decennio per costruirsi, mentre ha subito notevoli ritardi e superamenti dei costi. Include un tunnel sottomarino che consente alle navi di attraversare il delta del Fiume delle Perle, il cuore del settore manifatturiero cruciale della Cina. La sua apertura ridurrà il tempo di viaggio attraverso il delta da diverse ore a soli 30 minuti, qualcosa che la Cina spera legherà la regione come un importante motore della futura crescita economica. Mercoledì il traffico pesantemente regolamentato che utilizza i permessi rilasciati nell’ambito di un sistema di quote inizierà a circolare. Il ponte forma un collegamento fisico tra la terraferma e Hong Kong, un centro finanziario asiatico che è stato ceduto dal controllo britannico a quello cinese nel 1997 con l’assicurazione che manterrebbe il proprio sistema giuridico ed economico per 50 anni. Ciò ha un importante significato politico per l’amministrazione di Xi, che ha respinto le richieste di liberalizzazione politica a Hong Kong, suscitando timori che Pechino metterà ulteriormente a freno le libertà civili prima della fine dell’accordo “un paese, due sistemi” nel 2047. L’apertura del ponte arriva anche un mese dopo l’inaugurazione di un nuovo collegamento ferroviario ad alta velocità da Hong Kong alla Cina continentale, che corre lungo un percorso diverso e più breve. Questa linea ha notevolmente diminuito i tempi di viaggio, ma ha anche sollevato preoccupazioni per la crescente influenza di Pechino perché la legge sulla Cina continentale si applica a una parte del capolinea di Hong Kong della linea. Per Claudia Mo, un politico democratico di Hong Kong, il significato politico del ponte supera la sua utilità pratica. “Non è esattamente necessario, perché Hong Kong è collegata alla Cina continentale in ogni modo già, via terra, via aerea, via mare”, ha detto Mo all’Associated Press. “Ma hanno ancora bisogno di questo come simbolo politico o icona per ricordare alle persone di Hong Kong … che sei collegato alla madrepatria, con questo ponte davvero grandioso. È quasi come un cordone ombelicale. ” A Zhuhai, tuttavia, i sentimenti ruotavano attorno alla crescita economica e all’orgoglio nazionale. Il pilota della compagnia aerea Liu Gang ha detto di aver atteso con impazienza l’apertura del ponte, definendolo un simbolo del legame sempre più stretto della Cina continentale con Hong Kong e Macao. “Ci avvicinerà ancora di più, ci renderà più flessibili, economici e in molti altri modi. Ora siamo una famiglia “, ha detto Liu lunedì pomeriggio passeggiando lungo una passerella e scattando foto della struttura. Luo Fengzhi, che lavora nel settore immobiliare, ha citato il ponte come prova della crescente capacità economica e ingegneristica cinese. “Per i cinesi, questo li rende orgogliosi”, ha detto. “Spero che ogni patriottico cinese possa venire a vedere questa grande impresa di ingegneria, e accolgo con favore gli stranieri che vengono a vedere anche loro stessi”.