Latina, Estival, bilancio del festival estivo con 43 eventi

    Ultimo aggiornamento 00:00

    Il 30 settembre si è tenuto l’ultimo appuntamento di “Estival”, il festival di musica, cinema, teatro, danza, libri e arte organizzato dal Comune di Latina con l’idea di animare l’estate pontina. Iniziato il 14 luglio con un concerto al Campo Coni di Peppino Di Capri per ricordare il grande chitarrista pontino Orazio Di Pietro, la rivista per cui è stato pubblicato un bando a cui hanno aderito un gruppo di settanta associazioni che presentano 60 progetti, ha raggiunto gli obiettivi che era stato impostato all’inizio. Ci sono quattro progetti che hanno ottenuto il contributo economico pianificato dall’amministrazione per il supporto delle attività culturali. Mentre le altre associazioni che hanno aderito all’evento, pur non essendo vincitori del concorso, hanno goduto di benefici non economici in termini di libera concessione di spazi pubblici, spazi culturali, allestimenti e pubblicità e promozione di eventi.

    43 eventi in due mesi e mezzo, distribuiti in 12 sedi diverse: Campo Coni, Giardini del Comune, Arena del Museo Cambellotti, Acquedotto Largo Torre Idrica, Consorzio di bonifica, ex cinema ENAL, Giardino della Vita, Giardino dell’Antiquarium al Procoio di Borgo Sabotino, ex Borgo di Borgo Sabotino, Passo Genovese a Foceverde, Biblioteca Don Milani, Auditorium dell’Istituto Comprensivo Don Milani -, con 37 associazioni, gruppi e gruppi artistici del territorio e della scena regionale, con il coinvolgimento di oltre 100 tra musicisti, interpreti, attori, artisti, cantanti, scrittori. Un grande successo con il pubblico, per un totale di oltre 10 mila spettatori con una media di circa 250 spettatori all’iniziativa.

    Silvio Di Francia, assessore alle politiche culturali, turistiche e sportive del Comune di Latina, si dichiara soddisfatto: “I cittadini hanno avuto l’opportunità di reclamare gli spazi della città con una serie di iniziative che mostrano il grande fermento che è in Latina, ringrazio gli uffici dei musei e delle gallerie d’arte per il loro lavoro e la loro disponibilità ad accogliere associazioni e artisti “.
    Anche il presidente della commissione cultura, Fabio D’Achille, è contento dello spettacolo: “Ci sono stati così tanti spettacoli che, nella loro diversità, hanno garantito l’accesso alla cultura a 360 °. Tale diffusione e molte lingue diverse hanno permesso noi di offrire a tutte le proposte l’opportunità di esprimere se stessi e le diverse tipologie di pubblico l’opportunità di partecipare, vorrei ringraziare tutte le associazioni che sono state coinvolte nell’organizzazione di eventi di alta qualità, con ospiti nazionali e internazionali. revisione veramente trasversale con il coinvolgimento di bambini, giovani, disabili, anziani e immigrati “.