Home SPETTACOLO TV L’Eredità, puntata 10 dicembre 2020: ecco come è andata oggi alla Ghigliottina

L’Eredità, puntata 10 dicembre 2020: ecco come è andata oggi alla Ghigliottina

L’Ereditarietà, puntata 10 dicembre 2020: torna in questi minuti in onda su Rai1 l’Eredità con Flavio Insinna, il fortunato, apprezzato e seguitissimo programma della Rai che da anni domina le scene in quanto a dati share.  Su Rai1 il game show del preserale, si ripresenta con una nuova stagione tutta da vivere e ora nel preserale del 9/12/2020 con la nuova puntata.

Che cosa vedremo? Chi giocherà? Chi avrà la destrezza di giocarsi tutto il montepremi? Ecco che cosa ci aspettava nella puntata 9 dicembre 2020 con l’Eredità su Rai1 e come è andata.

L’Eredità, puntata 10 dicembre 2020 su Rai1: chi ha giocato, cosa è successo nella Ghigliottina

Torna la nuova stagione de “L’Eredità”, il game show di Rai1 arriva nelle case degli italiani tutti i giorni alle 18.45, e ancora alla conduzione Flavio Insinna, affiancato dalle Professoresse. Tra le novità di questa diciannovesima edizione del famoso programma, una nuova e avvincente modalità di gioco per il Triello: chi vince diventerà campione e andrà direttamente a giocarsi il montepremi alla Ghigliottina.

Eliminato prima del Triello il campione in carica, Lorenzo di Roma. Il neolaureato in Ingegneria Civile ha perso nella scalata doppia contro Marco di Padova. Quest’ultimo raggiunge ancora una volta la fase successiva del gioco con Massimo Cannoletta, il divulgatore storico-artistico leccese alla sua partecipazione numero 38. Con loro due arriva al Triello Martina impiegata amministrativa in un’azienda di automotive, di Roveré, in provincia di Treviso.

Questa sera, per una Ghigliottina che vale 210 mila euro, ad arrivare all’iconica fase finale è il super campione Massimo Cannoletta. Dopo la scelta delle parole-indizio, il divulgatore riesce a mantenere 52.500 euro, dimezzando due volte. La parola che deve trovare il campione per vincere il montepremi rimasto deve legarsi a BORGO, FRANCESE, INDUSTRIALE, DOPPIA e DETERSIVO. Massimo scrive POLVERE ma la parola vincente, in realtà, è SPINA.