Home SPETTACOLO TV L’eredità, puntata 4 Novembre 2020: ecco come è andata oggi alla Ghigliottina

L’eredità, puntata 4 Novembre 2020: ecco come è andata oggi alla Ghigliottina

Ultimo aggiornamento 09:25

L’Eredità, puntata 4 Novembre 2020: torna in questi minuti in onda su Rai1 l’Eredità con Flavio Insinna, il fortunato, apprezzato e seguitissimo programma della Rai che da anni domina le scene in quanto a dati share.  Su Rai1 il game show del preserale, si ripresenta con una nuova stagione tutta da vivere e ora nel preserale del 4/11/2020 con la nuova puntata.

Che cosa vedremo? Chi giocherà? Chi avrà la destrezza di giocarsi tutto il montepremi? Ecco che cosa ci aspettava nella puntata 4 Novembre 2020 con l’Eredità su Rai1 e come è andata.

L’Eredità, puntata 4 Novembre 2020 su Rai1: chi ha giocato, cosa è successo nella Ghigliottina

Torna la nuova stagione de “L’Eredità”, il game show di Rai1 arriva nelle case degli italiani tutti i giorni alle 18.45, e ancora alla conduzione Flavio Insinna, affiancato dalle Professoresse. Tra le novità di questa diciannovesima edizione del famoso programma, una nuova e avvincente modalità di gioco per il Triello: chi vince diventerà campione e andrà direttamente a giocarsi il montepremi alla Ghigliottina.

Colpo di scena nel game show di RaiUno. Viene eliminato prima del Triello Mirko Ravizza di Castell’Alfero, in provincia di Asti. Il laureato in Ingegneria, batterista e per dodici anni tamburino al Palio di Asti, durante la permanenza al gioco ha vinto 28.750 euro.

Ad affrontare la fase finale del quiz questa sera, invece, è Bice Ghetti di Milano ma che vive a La Thuile, in provincia di Aosta. La dottoranda in Architettura, che ha già vinto nei giorni scorsi 60 mila euro, alla sua quarta Ghigliottina gioca per un montepremi massimo pari a 90 mila euro. Nella scelta delle parole, la campionessa dimezza tre volte, mantenendo di fatto 11.250 euro. Per tale cifra, Bice cerca la parola vincente, che lega ALTRI, NIENTE, SACCO, CHIODI e SENTI. Bice scrive MALE ma la parola vincente, in realtà, è ROBA.