Home ATTUALITÀ BREAKING NEWS “L’Italia si prepara a guidare il G20 guardando oltre l’emergenza”, promette Conte

    “L’Italia si prepara a guidare il G20 guardando oltre l’emergenza”, promette Conte

    Ultimo aggiornamento 16:05

    L’Italia, come prossima Presidenza del G20, ospite del ‘Global Health Summit’ nel 2021 in collaborazione con la Commissione Europea e partner del Regno Unito per la COP26, è pienamente impegnata a costruire, facilitare e promuovere gli sforzi multilaterali verso un mondo più verde, più equo e più sano. L’Italia è determinata a perseguire questi obiettivi come nazione, ma anche come membro dell’Unione Europea. Siamo orgogliosi che il suo piano per la ripresa post-pandemia sia dedicato alla ‘Next generation’”.

    Il premier Conte conferma ed anticipa la svolta ambientalista che ammanta anche il nostro Paese e, in video-collegamento con il ‘Paris Peace Forum’, spiega come, “L’edizione 2020 del Forum per la pace di Parigi si svolge in tempi difficili. La pandemia – prosegue il capo del governo – infuria ancora nella nostra vita quotidiana, colpendo le nostre società ed economie. Il terrorismo minaccia nuovamente l’Europa e l’emergenza climatica richiede uno sforzo collettivo urgente per salvaguardare il futuro del nostro pianeta. Se c’è una lezione da imparare da questa situazione senza precedenti, questo è il valore di un’efficace cooperazione internazionale. Problemi condivisi, che minacciano la pace e la stabilità, necessitano di risposte condivise e urgenti. Ma un’azione urgente non significa visione a breve termine. Dobbiamo guardare oltre l’emergenza e concentrare la nostra azione globale sulla promozione di una ripresa inclusiva, sostenibile e resiliente“.

    Conte: “Insieme per una società più resiliente, sostenibile e inclusiva”

    Dunque, tenendo sempre a mente che ”Il presente è fondamentale per impostare il futuro”, termina il suo intervento Conte – Dimostriamo che ora possiamo restare uniti per perseguire il nostro obiettivo comune di trasformare i nostri destini individuali in uno migliore e collettivo. Formiamo insieme una società più resiliente, sostenibile e inclusiva”.

    Max